Palermo, presto sarà aperto il Museo Franco e Ciccio

dopo anni di tira e molla si dà via al progetto

Il Palazzo Tarallo sarà la sede ufficiale del percorso espositivo dedicato al duo comico siciliano

In pieno quartiere Ballarò, a Palermo, ospiterà il museo dedicato a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. All’interno del Palazzo Tarallo, al primo piano, sito in via delle Pergole sarà possibile ripercorrere l’affascinante storia del duo comico siciliano. L’edificio che è stato scelto per dar vita a questo percorso artistico è anche la sede degli uffici della toponomastica del Comune di Palermo. Il sindaco Leoluca Orlando, l’Assessore Comunale alla Cultura Andrea Cusumano e l’Architetto della toponomastica Michelangelo Salomone hanno deliberato in questa decisione giorno 1 febbraio 2019.

Avevamo fatto richiesta per l’apertura del museo nel 2016, finalmente dopo tre anni , è arrivata l’assegnazione di una sede per il museo da noi tanto attesa. Noi speravamo che arrivasse prima del 2018, l’anno di Palermo capitale della cultura – spiega lo storico Giuseppe Li Causi I figli dei due attori Maria Letizia e Massimo Benenato e Giampiero Ingrassia metteranno in mostra il pianoforte e la fisarmonica di Franco Franchi, i vestiti di scena dei numerosi film e spettacoli dei due artisti, locandine e tantissime foto“.

Secondo alcune recenti indiscrezioni, una sezione del museo sarà destinato alla creazione di uno spazio multimediale dedicato ai più piccoli. Qui sarà possibile guardare i film e gli spettacoli dei due attori palermitani che hanno rivoluzionato il mondo dello spettacolo del nostro paese. L’ingresso al museo è gratuito.

Conclude Li Causi nella sua ultima intervista: “Speriamo che entro il 2019 possa essere allestito il museo. Già nel 2012 abbiamo inaugurato la piazzetta dietro il teatro Biondo dedicata a Franco Franchi e Ciccio Ingrassia. Poi nel 2015 è stato allestito uno spazio verde dedicato al cantante Domenico Modugno che ha scoperto i due attori palermitani. In quella occasione l’artista Gianfranco Ragusano ha donato il bassorilievo che raffigura il cantante e due attori. Mi riempie di gioia il fatto che questo progetto del museo dedicato ai due attori palermitani potrà essere portato finalmente a termine“.

Maria Carola Leone
Maria Carola Leone, classe 1990. Laureata in Lingue e Letterature Moderne dell'Occidente e dell'Oriente - Curriculum orientale (Arabo, Ebraico e Francese) con votazione 110/110 e lode. Parlo correttamente 5 lingue: inglese, francese, spagnolo, arabo ed ebraico.Da sempre sostenitrice dell'arte e della cultura intraprende il suo percorso da culture-teller a 11 anni quando pubblica il suo primo articolo giornalistico sul quotidiano 'La Sicilia'. Continua a scrivere fino a quando nel 2012 entra a far parte della condotta Slow Food 570 diventando Responsabile dei Progetti educativi, editoriali e culturali collaborando attivamente e con serietà al progetto.Attualmente è Docente di Lingue Straniere presso una scuola superiore di Palermo e si occupa di Digital Marketing e Traduzioni.
Potrebbero interessarti anche