Dai passaporti UK rimossa la scritta Unione Europea

Il Regno Unito ha emesso passaporti senza la scritta "Unione Europea" ancora prima che la Brexit venisse approvata definitivamente.

Passaporto europeo e passaporto Brexit. Fotocredit: Quotidiano.net

il 29 Marzo era la data di scadenza prevista per la Brexit, il giorno dopo infatti gli abitanti del Regno Unito si sarebbero svegliati come cittadini non più facenti parte dell’Unione Europea. Tutti sappiamo però che non è andata così, l’UK è riuscito ad ottenere un altro rinvio per riflettere ancora su come agire, forse però nemmeno la stessa nazione si aspettava questa eventualità.

Infatti il 30 marzo sono stati introdotti e messi in circolazione passaporti che avevano già preso in considerazione il Regno Unito come estraneo all’Unione Europea, sulla copertina di questo nuovo modello infatti compare la scritta “United Kingdom of Great Britain and Nothern Ireland” senza la dicitura che prima si trovava poco sopra: “European Union“.

“Sono rimasta semplicemente scioccata: siamo ancora membri dell’Unione europea, sono rimasta sorpresa ed è un segno tangibile di qualcosa che ritengo sia completamente inutile”

Così ha detto alla BBC Susan Hindle Barone che tra le prime ha ricevuto il nuovo passaporto.

Diverse le reazione dei cittadini britannici a detta del The Guardian che con un reportage ha scoperto che il Regno Unito risulta diviso tra chi “si sente inorridito” e chi sente di “aver ripreso possesso della propria vera identità“.

L’uomo che ha ricevuto il passaporto post Brexit.
Fotocredit: BBC.com

I passaporti vecchi valgono come quelli nuovi

Il Ministero dell’Interno Britannico ha comunque tenuto a precisare che i passaporti con la dicitura “Unione Europea” posseggono lo stesso valore giuridico di quelli che invece sono già indirizzati verso il Regno Unito post Brexit.

Per poter utilizzare gli avanzi di magazzino e ottenere il miglior valore per il contribuente“.

Questo il motivo ufficiale della produzione di passaporti con la vecchia dicitura. Ha poi continuato: “Non ci sarà alcuna differenza per i cittadini britannici che utilizzino un passaporto che includa le parole Unione Europea o un passaporto che non le includa: entrambi i modelli saranno ugualmente validi per i viaggi“.

Questo modello di passaporto è dunque provvisorio. Oltre a quello vecchio con la scritta Europea e quello attuale che non la mostra dalla fine dell’anno corrente i cittadini del Regno Unito avranno una novità che riguarderà perfino il colore. Dal classico colore rosso bordeaux si passerà a quello blu, il colore originario dei passaporti britannici fino al 1988.

Vecchio e “nuovo” passaporto inglese
Fotocredit: EuropaToday

La situazione Brexit

Nonostante siano passati quasi tre anni, le discussioni sono ancora accese ed incerte come lo erano il primo giorno, gli stessi parlamentari inglesi hanno ammesso di “non potercela fare più“, stremati dal protrarsi di questa insostenibile situazione di stallo.

L’ex deputato conservatore Philip Lee, che si è dimesso per fare campagna contro la Brexit, ha raccontato in un’intervista al Financial Times di aver visto i parlamentari “provati”:

Ho visto gente, piangere, arrabbiarsi, litigare perlopiù per stanchezza. Il parlamento è diventato una pentola a pressione.

Questo clima presente tra i parlamentari non sembra presagire il meglio per la scelta finale sulla Brexit, speriamo solo che non porti a decisioni influenzate dallo sfinimento psicologico. O a scelte affrettate come quella del passaporto prematuro.

 

 

Potrebbero interessarti anche