Perseguita l’ex fidanzata: finisce in manette

Continuava a minacciare la ex nonostante fosse ai domiciliari e non potesse avere contatti con nessuno

Un trentenne di Casina è stato arrestato per atti persecutori nei confronti della propria ex, una donna di 34 anni, che duravano all’incirca da novembre 2020. L’uomo è stato condannato a 4 anni di reclusione e anche al pagamento di una multa di duemila euro, per il reato d’estorsione commesso nei confronti della sua ex . Il 30enne si trovava già ai domiciliari presso l’abitazione della madre.

Le condotte persecutorie venivano attuate attraverso l’invio di sms e messaggi audio. Tra l’altro si tratta di un recidivo: già in passato era stato condannato a due anni e sette mesi di reclusione, per reati della stessa natura. Ora, il magistrato ha chiesto la custodia in carcere per il trentenne. L’uomo infatti, nonostante il divieto di avere contatti con chiunque, continuava a contattare la ex compagna, la madre, colleghi e datori di lavoro e una amica della 34enne. Inoltre metteva in atto atteggiamenti minacciosi ed offensivi. Ecco la decisione del giudice di trasferire l’uomo in cella. 

- Advertisement -

Il reato di estorsione era invece stato attuato nei confronti di un 42enne, ex compagno della donna.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.