La Regina del Selfie!!!

tutti pazzi per il selfie

 

Le 7 regole per un autoscatto perfetto

Loading...

 

Basta visualizzare una pagina Facebook, Twitter o Instagram, per capire che oramai tutti ma proprio tutti vanno pazzi per il selfie.

Ma cos’è un selfie?

A tale dilemma ci risponde l’Oxford University, che scelse l’autoscatto come parola del 2013 inserendola nel Oxford Dictionary, anche per il legame che il popolo inglese nutriva per essa.

 

Tutti sono stati coinvolti da questo fenomeno sociale, a partire dalle icone fashion,vip, come Ian Somerlhander o l’eccentrica Kim Kardashian, che si sbizzarriscono con autoritratti differenti, con animali, di gruppo, tropicali o addirittura in luoghi inaspettati come il proprio bagno, fino ad arrivare alla nostra cara vicina di casa che ci offre una foto di sé mente fa la spesa.

 

Ma evitiamo le cadute di stile!

 

Assolutamente NO: a nudo, topless, labbra a canotto, sedere che sporge eccessivamente da farci sembrare vittime di mal riuscite chirurgie plastiche.

Assolutamente SI: ad accessori stravaganti e particolari (occhiali, cappelli, borse orecchini, collane), selfie di gruppo, sguardo che non fissa l’obbiettivo, più si è naturali più il risultato sarà migliore. Ed ancora si a foto che ritraggono parti del nostro corpo non intime, (piedi mani occhi bocca).

 

Ma per ottenere il tanto ambito trono di Regina del selfie cosa bisogna fare? Seguire 7 semplice regole.

 

1 Decidi qual è il tuo profilo migliore

Destro? Sinistro? Posizionate il vostro smarphone a 45 gradi dal viso. Da quella prospettiva la vostra testa sembrerà più piccola, il mento più acuto e gli occhi più grandi.

 

2 Cattura la luce giusta

Anche qui è tutto un gioco di angoli e prospettive. Se si prende quello giusto si può stendere un leggero bagliore sul volto di qualcuno, aggiungendo un tratto emotivo all’immagine in generale. L’unica regola universale è di non farlo controluce, e di evitare il giorno pieno. Troppo forte, anche se illumina tutto il viso.

 

3 Scegli gli accessori che fanno al caso tuo

Se ci sono delle imperfezioni che rischiano di rovinare tutto il quadro (es. occhiaie), è bene mettere in opera una strategia di distrazione di massa, cioè indossare occhiali da sole. In generale, la presenza di oggetti di grandi dimensioni funziona, come orecchini o fiocchi o, appunto occhiali. Sfoggia un sorriso che catturi l’attenzione, NO ai sorrisi forzati, pensa ad un episodio buffo e scatta, quale accessorio è meglio del tuo più bel sorriso?

 

 4 Non essere te stesso

Chissà quante volte vi avranno detto il contrario. Tutte bugie! Nel selfie si assume sempre una posa, ma esiste un genere che vuol sembrare “naturale”, cioè senza posa. (che non è quella allo specchio, ad esempio). Si deve spostare lo sguardo, dirigerlo con più o meno intensità verso un oggetto che non si vede, esterno all’immagine. Poi, scatta. E sarete affascinanti, in pensieri profondi.

 

5 Presta attenzione allo sfondo: dev’essere all’altezza

Potrebbe essere l’arma vincente, se in armonia con il tuo volto. Se troppo particolare, rischia di prevalere, nel bene (splendide spiagge e mare) o nel male (discariche cittadine senza speranza).

 

6 Posiziona il telefono più in alto

Teniamo il telefono un po’ più in alto rispetto al nostro viso: lo sguardo risulterà più sexy, gli zigomi più pronunciati, il viso più magro e il naso più piccolo! Ovviamente si tratta di una posizione innaturale, quindi meglio non esagerare tenendo il braccio troppo teso sopra la testa… pochi centimetri saranno più che sufficienti!

 

7 Scegli con cura il Filtro da applicare alla foto

Spesso con il Filtro Giusto si nascondono più difetti.

 

Insomma si selfie chi può!

 

 

CURIOSITA’

‘THIEFTIE’ –meglio di un antifurto:

Negli USA sta spopolando la App  che fotografa i ladri di biciclette e smartphone. La funzione permette, se viene digitato il codice errato di accesso o si tenta di rimuovere la sim, di scattare silenziosamente una foto a chi sta maneggiando il nostro telefono. – Ma non è la sola. Anche in Italia Cerberus, solo per Android, offre dal 2011 funzioni del genere…