San Valentino: I migliori biglietti d’auguri per lui e per lei

A San Valentino non basta fare al proprio partner solo il regalo, infatti anche il biglietto d'auguri ha la sua importanza, vediamo quali sono i migliori per lui e per lei

Il giorno di San Valentino gli innamorati non si scambiano solo i regali, infatti hanno un significato molto importante anche i biglietti d’auguri. Ma quali sono i migliori per lui e per lei? Scopriamolo in questo articolo.

San Valentino: Il miglior biglietto d’auguri per lui

Quando si scrive un biglietto d’auguri per San Valentino al proprio lui, una bella frase romantica sicuramente è sempre molto apprezzata, l’importante comunque è riuscire ad esprimere al meglio i propri sentimenti.

Le parole però devono essere poche, semplici e soprattutto efficaci, sicuramente utilizzando degli afrorismi famosi si può riuscire ad ottenere l’effetto desiderato. Ecco alcuni esempi:

  • Preferirei dividere una sola vita con te che affrontare tutte le ere di questo mondo da sola (dal libro Il Signore degli Anelli)
  • Amare non è guardarsi l’un l’altro, ma guardare insieme nella stessa direzione (Antoine de Saint-Exupéry)
  • Di qualunque cosa siano fatte le nostre anime, la mia e la tua sono fatte della stessa cosa (Emily Brontë)

Il migliore biglietto d’auguri per lei

Anche per lei il biglietto d’auguri di San Valentino deve essere d’impatto, ovvero la frase scritta deve essere in grado di far vibrare il cuore di emozione alla persona amata e, per riuscirci bisogna essere completamente sinceri.

Questo vuol dire che bisogna evitare le solite frasi fatte e/o troppo banali, anche in questo caso utilizzare le citazioni famose può essere d’aiuto. Ecco alcuni esempi:

  • T’amo senza sapere come, né quando, né da dove, t’amo direttamente senza problemi né orgoglio: così ti amo perché non so amare altrimenti (Paolo Neruda, Sonetto XVII)
  • Di tutte le passioni l’amore è la più forte, perché attacca contemporaneamente la testa, il cuore e il corpo (Voltaire)
  • L’amore non dà nulla fuorché se stesso e non coglie nulla se non da se stesso. L’amore non possiede, né vorrebbe essere posseduto poiché l’amore basta a all’amore (Khalil Gibran, Segui il cuore)