Scava per seppellire sua figlia morta, e trova in un vaso una neonata viva

Un uomo indiano ha trovato una bambina sepolta viva

Scava per seppellire sua figlia morta

India – Hitesh Kumar Sirohi è un uomo che ha da raccontare una storia incredibile. Sua figlia è nata prematuramente e purtroppo priva di vita. Sua madre l’ha partorita dopo 6 mesi di gravidanza, ma già morta.

Una storia a lieto fine

L’uomo ha quindi deciso di seppellire il corpo di sua figlia, e mentre stava scavando a 90 cm di profondità ha trovato un’altra neonata, però viva. La piccola, di solo un kg, è stata portata di corsa in ospedale dove le hanno diagnosticato un’infezione ai polmoni. Fortunatamente, la situazione è in netto miglioramento.

Hitesh Kumar Sirohi e sua moglie hanno inoltre dichiarato la loro intenzione di adottare la piccola. Una storia a lieto fine, quindi: da un dramma che ha colpito una famiglia è nata la speranza per un’altra bambina, non voluta dai genitori e destinata a morire in poco tempo.

Il dramma delle figlie femmine in India

Purtroppo, in India spesso si tende ad uccidere le figlie femmine. In precedenza era possibile praticare l’aborto selettivo, ma adesso è diventato illegale e le donne sono costrette a portare a termine la gravidanza.

Proprio per questo, molte donne ricorrono a “soluzioni” alternative, ovvero quelle di uccidere le figlie femmine appena dopo il parto oppure più grandi. Non sono rari i casi in cui le bambine vengono annegate, oppure, come in questo caso, sepolte vive. I medici spesso sono complici e certificano i decessi come naturali, oppure le autorità non indagano a riguardo.

Ma quali sono i motivi che spingono i genitori a praticare dei gesti così atroci sulle loro figlie? La mentalità retrograda della popolazione indiana porta le famiglie a desiderare figli maschi. Questo perché gli uomini sono gli eredi e coloro che portano “il pane a casa”. Inoltre, possono badare ai genitori nella vecchiaia utilizzando la dote ricevuta dai genitori della moglie.

Al contrario, le figlie femmine, sono viste come una sorta di maledizione: una leggenda vuole che se il quarto nato è di sesso femminile la famiglia è coperta da sventura. Le femmine, sono anche un fardello per le famiglie a livello economico dato che è ancora diffuso l’istituto della dote per il matrimonio, seppur illegale.

Leggi anche: Tragedia nel catanese: auto contro lo spartitraffico morti quattro giovani