Scuola: 10 febbraio altro appuntamento in piazza a sostegno dei Diplomati Magistrali

Continuano i sit-in dei Diplomati Magistrali e gli scioperi indetti in loro sostegno

Sit-in dei Diplomati Magistrali

Continua la lotta dei Diplomati Magistrali, quegli insegnanti precari , usati e sfruttati in questi anni come supplenti, ma a cui è negato il diritto di essere immessi in ruolo. A partire dalla sentenza dell’Adunanza Plenaria del Consiglio di Stato, resa nota lo scorso 20 dicembre, i DM sono agguerriti più che mai. Molti di loro sono ancora inseriti nelle Gae con riserva, altri stanno già svolgendo l’anno di prova in ruolo (sempre con riserva), senza certezze per il futuro. L’unica sicurezza ad oggi, se nulla cambierà, è la futura retrocessione in seconda fascia.

Scioperi

I Diplomati magistrali, oltre a continuare a percorrere la via dei ricorsi, vogliono servirsi di qualsiasi mezzo (democratico) perché la loro vicenda venga presa seriamente in considerazione. Serve una soluzione, o meglio, un intervento politico. Questo è ciò che si aspettano con la formazione del nuovo Governo.

Nel frattempo, è noto lo sciopero che si è svolto l’8 gennaio scorso in molte città d’Italia nonchè il c.d “blocco degli scrutini” tenutosi in questi giorni. Il prossimo sciopero sarà quello indetto da Unicobas e altre sigle sindacali, previsto per il 23 febbraio. Inoltre ne è previsto un altro, indetto dall’Anief, anche il 23 marzo, giorno della costituzione delle camere del neonato Governo e giorno in cui l’Avvocatura dello Stato dovrebbe esprimere il proprio parere in merito al licenziamento o meno dei moltissimi DM immessi in ruolo con riserva.

Noti sono anche i sit-in tenutisi in questi mesi davanti al Miur e davanti ai vari provveditorati.

Appuntamenti futuri

Continuano dunque le manifestazioni dei Diplomati Magistrali, appoggiati anche da molti genitori schieratisi dalla loro parte. Il motto che ormai si sta diffondendo sui social è “ io sto con la maestra”.

Il primo e imminente appuntamento futuro sarà sabato 10 febbraio, in cui è prevista una fiaccolata nelle piazze di tutti i capoluoghi delle regioni d’Italia, a sostegno dei Diplomati Magistrali. Seguiranno poi gli scioperi sopra indicati, in attesa di una giusta soluzione che non vada a danneggiare nessuna “categoria” di insegnanti, ma che assicuri continuità didattica, senza escludere chi da anni è al servizio della scuola.

Potrebbero interessarti anche