Scuola: banchi innovativi da 300 euro, polemiche sui costi

Prevista una gara di appalto per l'acquisto di nuovi banchi monouso da 300 euro

Photocredit: pixabay scuola

Nuovi cambiamenti sono previsti per la riapertura delle scuole a settembre, riguardano principalmente l’acquisto di nuovi banchi più innovativi rispetto a quelli tradizionali. L’obiettivo è il distanziamento sociale e la sicurezza.

Previsti 3 milioni di banchi nuovi

Il commissario per l’emergenza Domenico Arcuri ha indetto una gara pubblica per l’acquisto di 3 milioni di banchi. La gara prevede l’acquisto di 1,5 milioni di banchi monouso tradizionali e 1,5 milioni di banchi innovativi. La scadenza del bando come dichiara la Azzolina è prevista per la fine di luglio giorno 30.

Il 7 di agosto ci sarà la firma dei contratti e il 31 di agosto l’azienda che si aggiudicherà la gara dovrà consegnare i banchi. Le scuole hanno fatto presente di aver bisogno di nuovi banchi.

Polemiche sui costi dei banchi scolastici

Ma le polemiche non mancano soprattutto sui costi. Ogni banco costa circa 300 euro e il Codacons vuole vederci chiaro sulla faccenda ha annunciato ” Vogliamo capire se vi sia stata una regolare gara e come sia stata individuata la società che dovrà fornire i nuovi banchi. E’ necessario inoltre appurare se la spesa a carico della collettività sia congrua e proporzionata o se, al contrario, vi siano stati sperperi di fondi pubblici, ha aggiunto infine il presidente di Codacons Rienzi “Se emergeranno irregolarità o aspetti poco chiari, non esiteremo a chiedere il blocco dell’appalto, a tutela degli interessi della collettività“.

La ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina in visita all’istituto Riccardo Massa di Milano ha dichiarato “i banchi sono singoli e al momento sono quelli che ci garantiranno maggiore distanziamento ma in futuro permetteranno l’avvicinamento, cioè di avere una innovazione didattica che permette agli studenti di lavorare in gruppo“. Sulla riapertura del 14 settembre ha detto che le lezioni cominceranno per la data stabilita, che si farà in tempo e che si sta lavorando per risolvere la questione dei trasporti con la ministra De Micheli.