“Storia di Nilde”, stasera in onda su Rai Uno

la prima donna che divenne Presidente della Camera dei Deputati della storia italiana.

Sono trascorsi vent’anni dalla scomparsa della prima presidentessa della Camera dei Deputati: Nilde Iotti. Giovedì 5 dicembre in prima serata andrà in onda ‘Storia di Nilde‘ il docufilm dedicato interamente alla Iotti.

Il film, prodotto da Gloria Giorgianni per Anele in collaborazione con Rai Fiction, ha la regia di Emanuele Imbucci ed è interpretato da Anna Foglietta (Nilde Iotti), Francesco Colella (Palmiro Togliatti), Linda Caridi e Vincenzo Amato (Enrico Berlinguer).

Il risultato ottenuto è un mix di fiction, materiali di repertorio (rai) e testimonianze da parte di personaggi illustri. La Iotti fu una delle 21 donne che parteciparono all’Assemblea Costituente del 1946. La sua figura viene ricordata dalle generazioni future in quanto è stata la prima donna ad aver assunto un ruolo politico-istituzionale, grande testimonianza nell’emancipazione femminile.

Chi era Nilde Iotti?

Nilde Iotti è stata una grande rivoluzionaria in anni in cui l’Italia era appena uscita dalla seconda guerra mondiale. Ricordata oggi come una delle madri della Repubblica, la presidentessa ha trascorso la maggior parte della sua vita nella politica.

Era il 1979 quando la Iotti divenne presidente della Camera, l’accordo prevedeva che a capo della Camera rimanga un esponente di grande spicco dell’opposizione. In quegli anni Ingrao (comunista) non volle più proseguire il suo incarico e abbandonò la sua carica. Il 20 giugno fu eletta e il suo discorso è rimasto emblematico in quanto ricco di tematiche relative all’emancipazione femminile e alla parità di genere.

Ella rimarrà capo della Camera fino al 1992. Cinque anni precedenti alla sua interruzione politica, ricevette un mandato esplorativo per la formazione di un governo: fu la prima donna che ottenne questo compito.

La lunga esperienza parlamentare e l’impegno per le riforme con la presidenza della Commissione bicamerale per le riforme istituzionali saranno ricordati per sempre.

Articolo precedenteTiziano Ferro: “Desidero avere un figlio”
Articolo successivoFedez confessa: “Potrei ammalarmi di sclerosi multipla”
Maria Carola Leone
Maria Carola Leone, classe 1990. Laureata in Lingue e Letterature Moderne dell’Occidente e dell’Oriente – Curriculum orientale (Arabo, Ebraico e Francese) con votazione 110/110 e lode. Parla correttamente 5 lingue: inglese, francese, spagnolo, arabo ed ebraico. Da sempre sostenitrice dell’arte e della cultura intraprende il suo percorso da culture-teller a 11 anni quando pubblica il suo primo articolo giornalistico sul quotidiano ‘La Sicilia’. Continua a scrivere fino a quando nel 2012 entra a far parte della condotta Slow Food 570 diventando Responsabile dei Progetti educativi, editoriali e culturali collaborando attivamente e con serietà al progetto. Attualmente è Docente di Lingue Straniere presso una scuola superiore di Palermo, si occupa di Digital Marketing, Traduzioni e sottotitolaggio e collabora per la Condotta Slow Food di Palermo.