Temptation Island, parla il tentatore Carlo Siano: cosa pensa di Anna Boschetti

Carlo Siano tentatore della recente edizione di Temptaion Island rivela al magazine Uomini e Donne come si è sentito dopo aver scoperto che Anna lo ha usato

Photocredit Carlo SIano Instagram

Temptation Island ha battuto tutti i record d’auditel e chiude con il botto anche questa edizione caratterizzata ancora una volta dal viaggio dei sentimenti di alcune coppie di fidanzati. Protagonisti, troppo spesso messi in secondo piano, alcuni tentatori che sono riusciti a conquistare la fiducia dei fidanzati. Vittima involontaria di Anna Boschetti il tentatore Carlo Siano che si è trovato coinvolto in una tenera amicizia con la romana fidanzata di Andrea.

Carlo è venuto a conoscenza che l’attenzione che Anna gli ha riservato era dovuta ad un piano ben architettato per ottenere una reazione dal suo fidanzato. Il tentatore ha rivelato al magazine Uomini e Donne d’essersi sentito usato e non rispettato e che al posto del suo fidanzato l’avrebbe lasciata immediatamente:

Mi sono sentito usato perché è brutto sentirsi dire che si viene visti come un mezzo per ottenere qualcosa da un’altra persona. Non credo che questo sia il modo più giusto per portare avanti una storia d’amore e fare dei passi avanti. Sono rimasto molto amareggiato e onestamente oggi, di lei, non mi resta un buon ricordo.

Temptation Island, Carlo Siano: “Vorrei confrontarmi con Andrea, Anna è stata molto egoista”

Carlo Siano si è scagliato contro Anna per come si è comportata, spera in futuro di non avere contatti con lei che è stata machiavellica ma decisamente poco furba e molto egoista. Il tentatore poi vorrebbe confrontarsi con Andrea, vorrebbe parlare con lui che a suo avviso paga lo scotto d’essere molto meno esperto e manipolatore della sua compagna:

“Penso che Andrea con Anna paghi il fatto di avere meno esperienza di lei. Se potessi mi piacerebbe confrontarmi con lui e chiedergli scusa. All’interno del percorso mi sono sentito di dare ragione ad Anna in merito ai problemi della loro coppia […] Poi però non è accettabile che si usino le persone come oggetti per il proprio tornaconto e che si faccia soffrire il proprio compagno volutamente. I figli non dovrebbero nascere con questi presupposti. Io l’avrei lasciata all’istante.”