Arrestata una maestra scuola primaria nel lametino per aggressioni e fisiche verbali

Atteggiamenti “scomposti” da parte di un'insegnante hanno fatto scattare le manette

Non si placano gli episodi di aggressioni sia fisiche che verbali nelle scuole italiane da parte di insegnanti. Questa volta l’episodio è successo in una scuola a Falerna, nell’hinterland lametino in Calabria.

“Smettila di urlare che ti faccio il muso a sangue”

Un insegnante avrebbe avuto comportamenti definiti “scomposti” da parte dei genitori, verso i suoi alunni, tutti di età compresa fra i 5 e i 7 anni.

I genitori insospettiti dai racconti dei piccoli, che sembravano avere una logica nei racconti di doversi bambini, si sono allarmati e hanno deciso di far riferimento al dirigente scolastico, il quale si è subito rivolto ai carabinieri.

La procura di Lamezia Terme ha così iniziato tutte le verifiche del caso, attraverso una mirata attività di videosorveglianza. Tale attività non ha tardato a dare i suoi risultati, a carico della maestra ci sarebbero gravi indizi di colpevolezza per atteggiamenti non consoni nei confronti dei piccoli alunni.

«Smettila di urlare che ti faccio il muso a sangue» una delle frasi emerse dai video, ma non è un caso isolato, difatti utilizzava abitualmente espressioni verbali violente, ma anche schiaffi.

Verificato, quindi, un corportamento dell’insegnante che era abituale e che caratterizzava il suo metodo di insegnamento, la stessa è stata posta agli arresti domiciliari.

Potrebbero interessarti anche