Turismo a Formentera, cosa visitare e come muoversi

meta agognata da chi ama immergersi nella natura con un tocco di glamour.

Turismo a Formentera, cosa visitare e come muoversi in questo piccolo paradiso ricco di spiagge incontaminate situato nell’arcipelago delle Baleari.

Formentera è sicuramente un’isola tranquilla rispetto alla sua vicina Ibiza, fatta eccezione per i mesi di luglio e agosto. Il fatto che in essa sia assente lo scalo aeroportuale la rende sicuramente meta meno caotica e più difficile da raggiungere.

Per arrivare in questo splendido angolo di paradiso occorre prendere l’aereo sino ad Ibiza poi proseguire col traghetto. L’isola è prevalentemente pianeggiante, ricca di spiagge incontaminate che si alternano con la macchia verde nell’entroterra. Ci sono anche dei punti della costa dove le scogliere si gettano a picco sul mare.

Come muoversi a Formentera

L’intera isola si presta molto bene ad essere girata a due ruote, ci sono molti luoghi dove poter noleggiare moto a Formentera. Mezzo apprezzato sopratutto da coppie e giovani, la moto è uno dei mezzi più utilizzati per visitare questa splendida isola. Libertà di movimento, contatto diretto con la natura, semplicità nel raggiungere ogni angolo dell’isola sono le motivazioni che portano a tale scelta. Oltretutto vi è una notevole presenza di parcheggi accessibili. I bambini sotto i 130 cm non possono salire in moto o in scooter per legge.

Quando si viaggia in famiglia, con bimbi piccoli è preferibile noleggiare un’auto. Ci sono delle regole precise da rispettare, come la cintura di sicurezza obbligatoria e un seggiolino diverso a seconda dell’età dei vostri figli. Il limite di velocità è di 70 km/h e vi sono autovelox pronti a segnalare ogni effrazione. La viabilità è ottima, dato che sull’isola esiste un’unica strada principale che la collega da un lato all’altro. Il prezzo è abbastanza accessibile e sono presenti in tutta l’isola varie agenzie di autonoleggio, sopratutto nella zona del porto.

Cosa vedere

La parte più alta dell’isola, detta La Mola (la montagna) è ricca di grotte, alle quali si accede per la maggior parte via mare, Cova d’en fum Cova d’estrips sono le più conosciute. Sulla sommità della montagna è presente un faro molto suggestivo.

Es Pujols è il centro nevralgico dell’isola, un tempo piccolo villaggio di pescatori ora è uno dei villaggi più frequentati. E’ una delle località balneari più attrezzate per i turisti. Si trova tra la riserva naturale del lago Estany Pudent e il mare, dove ci sono le spiagge più belle e ricche di movida notturna. Sant Ferran de ses Roques è un paesino ancora più ricco di intrattenimento, colmo di bar e negozi. In questi villaggi si tengono, nella piazza, mercati del pesce ogni giorno e si respira la vera tradizione di Formentera.

Il porto principale dell’isola, dove si trovano i traghetti che arrivano da Ibiza, si chiama La Savina. E’ un punto d’attracco per numerose imbarcazioni private, nel quale si possono trovare numerosi bar e ristoranti, agenzie di noleggio auto e moto. Base perfetta per chi vuole visitare le spiagge di Illetes e Llevant. Playa Illetes è sempre bagnata da acque quiete, questo la rende perfetta per famiglie con bambini piccoli.

Le spiagge sono meravigliose, la particolarità è la presenza sul fondale dell’alga Posidonia. Questa particolare pianta acquatica garantisce una pulizia delle acque così elevata da far rientrare Ibiza e Formentera nel Patrimonio UNESCO dal 1999. Un tempo erano meta di nudisti da tutto il mondo, ora i lidi dedicati a loro sono solamente due.

Espalmador è famosa per i bagni di fango naturale, nei quali è impossibile immergersi, si può solo visitarli.

Ramona Allegri
Articolista, scrittrice e blogger lifestyle e food, possiedo un blog di cucina Il Mondo di Ramy Food con le ricette da me ideate basate sulla cucina mediterranea, adoro l'arte in ogni sua forma. Ho pubblicato un libro di ricette "ricette low-cost per famiglie in crisi" e sto lavorando ad un romanzo attualmente.
Potrebbero interessarti anche