Una ricercatrice italiana vince il premio Elvo Tempia

3 premi, tutti e 3 in rosa. Quest'anno la ricerca è donna.

E’ andato a una ricercatrice italiana il riconoscimento dedicato a Elvo Tempia, un evento ormai storico che celebra i progressi di scienza e medicina nella conoscenza del cancro.

Si tratta di Federica Zamagni, una biostatistica dell’Istituto scientifico romagnolo per lo studio e la cura dei tumori, che ha sede a Meldola, in provincia di Forlì-Cesena: il progetto della dottoressa Zamagni riguarda i melanomi e i fattori che hanno inciso sulla riduzione della mortalità negli ultimi dieci anni, grazie al miglioramento delle terapie.

- Advertisement -

I premi di quest’anno, sono stati tutti in rosa: uno è andato alla olandese Marissa Corine van Maaren dell’Integraal Kankercentrum Nederland che si è aggiudicata quello principale, dedicato a Enrico Anglesio, medico piemontese scomparso nel 2003. Anglesio fu il padre di uno dei primi registri sui tumori nell’Europa del Sud, uno dei capisaldi dell’oncologia in Italia.

Un altro premio è andato alla dottoressa tunisina Rym Mallekh dell’Institut Pasteur di Tunisi, che si è aggiudicata il premio che commemora Sharon Whelan, epidemiologa internazionale e ricercatrice sul cancro per il centro di ricerca di Lione.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.