Università tradizionale e atenei online: una breve guida

Scegliere la giusta Università è fondamentale per il proprio futuro

La scelta dell’università segna un passaggio cruciale nella formazione e nella crescita personale. Con le nuove tecnologie e una maggiore diffusione degli atenei anche in città più piccole, ci sono stati nel tempo diversi cambiamenti nella gestione e nella frequentazione degli Atenei e, con la pandemia, le lezioni a distanza sono state un banco di prova importantissimo per riuscire a svecchiare alcuni sistemi e rendere l’e-learning una possibilità da mantenere anche in situazioni non emergenziali. Le future matricole hanno quindi maggiore scelta sia nel numero di corsi di laurea, sia nella modalità di conseguimento del titolo. E possono iscriversi in un ateneo senza spostarsi fisicamente da casa per seguire le lezioni. Sul sito https://www.unicusano.it/ ad esempio si può capire come funziona l’università online e quali sono i titoli che si possono conseguire, anche nel post laurea. In questa breve guida valuteremo l’università tradizionale e gli atenei online descrivendone le caratteristiche e i vantaggi.  

Università tradizionale: vantaggi e svantaggi

L’università tradizionale si basa sulla frequentazione dei corsi in aula in presenza e prevede la dislocazione delle varie facoltà in diversi punti della città in cui ha sede. Gli atenei più grandi hanno sviluppato delle reti regionali con sedi distaccate in città diverse dalla sede centrale. Sono inoltre nati anche piccoli atenei, che hanno acquisito prestigio grazie alla specializzazione in materie specifiche. Il vantaggio delle università tradizionali è favorire maggiormente la socialità, perché si ha modo di frequentare le sedi, le biblioteche e di vivere la città in maniera completa. Ha però una serie di aspetti da considerare: per frequentare un’università tradizionale non bisogna considerare solo la retta annuale, ma tenere conto delle spese di vitto e alloggio, dei costi per acquistare i libri e della qualità della vita della città in cui si va a vivere, che comporta ulteriori spese per trasporti e svago. Gli atenei mettono a disposizione borse di studio a copertura completa dei costi e anche riduzioni delle spese annuali in base al reddito, ma per mantenere i benefici è necessario conseguire ogni anno un certo numero di crediti. È quindi non andare fuori corso. Il numero dei laureati tra l’altro è un problema in Italia, perché nella fascia tra i 24 e i 34 anni solo il 28% delle popolazione è laureato e siamo al penultimo posto tra gli stati membri dell’Europa e lontanissimi dalla media europea. È dunque necessario accelerare nella crescita del numero di laureati e il contributo degli atenei online potrebbe essere determinante perché consente anche a chi non può spostarsi di accedere ai corsi.  

- Advertisement -

Atenei online: pro e contro

Gli atenei online hanno conosciuto negli anni una crescita esponenziale delle iscrizioni. Le ragioni di questo aumento di fiducia sono da ricondurre sicuramente ad una maggiore dimestichezza con gli strumenti digitali e anche al fatto che gli atenei online rispondono a due esigenze importanti indicate dalle future matricole negli ultimi dati disponibili: qualità della vita e risparmio. I giovani sono infatti propensi a scegliere percorsi universitari che permettano di mantenere la loro attuale situazione, senza traslochi onerosi e trasferimenti che non giovano sempre a tutti. Con gli atenei online si annullano inoltre le spese per viaggio, vitto, alloggio e materiale didattico, visto che le lezioni e il materiale d’esame sono disponibili 24h/24 sulle piattaforme online. Si parla dunque di un nuovo approccio all’università ma anche alla socialità perché con le università online viene a mancare il momento di aggregazione in presenza e di frequentazione dei luoghi universitari.

Lorita Russo
Lorita Russo
Social media specialist, Seo Specialist, specializzata in tecnologia, scienza e cucina. Sono un influencer e reviewer, amante della lettura umanistica e dei problemi sociali. Ho un sito di cucina Facili idee e il gruppo Facebook che conta ben 150 mila follower