Varallo, il vicesindaco Botta propone una “taglia” sui vandali della città

Il vicesindaco di Botta, cittadina piemontese, ha proposto una taglia sui vandali: "Darò 20 euro a chi mi segnala episodi di inciviltà".

Eraldo Botta, vicesindaco di Varallo (Vercelli) ha proposto una “taglia” sui vandali della città. Queste le dichiarazioni di Botta riportate da FanPage: “Assisti ad un episodio di inciviltà? Dopo le opportune verifiche, ti premierò di tasca mia con un buono da 20 euro spendibile nelle attività cittadine“. Il vicesindaco, eletto dalla Lega, vuole porre un programma di “tolleranza zero” nei confronti di coloro che deturpano la cittadina.

Taglia sui vandali, gli obiettivi di Botta

Eraldo Botta, vicesindaco di Varallo ed ex presidente della Provincia, ha intenzione di puntare di più sul decoro e sulla sicurezza della sua città. Ha quindi lanciato un’iniziativa sulla pagina social del Comune. Botta ha informato che il sistema di videosorveglianza di Varallo è composto da quasi cinquanta telecamere. In più sono da contare sei varchi di accesso posizionati in luoghi strategici del Comune che monitorano tutti i veicoli che entrano in città.

- Advertisement -

La sicurezza non basta

Eraldo Botta ha precisato sui social la presenza di due congegni per il controllo della velocità posizionati nelle due frazioni di Valmaggia e Roccapietra, ma questo non basterebbe. Ha quindi fatto appello ai residenti della cittadina della Valsesia per segnalare episodi di inciviltà. Botta non si è limitato a tale raccomandazione, ma ha reso pubblico il suo numero di telefono personale per inviare segnalazioni.

Botta: “Aiutateci a mantenere Varallo pulita e sicura

Eraldo Botta conta sulla collaborazione di tutti i suoi concittadini raccomandando sul manifesto reso noto sui social: “Aiutaci anche tu a mantenere Varallo pulita e sicura”. Botta ha spiegato come diversi concittadini lamentano che c’è chi non pulisce i bisogni del cane, ma il vicesindaco ha precisato che le lamentele sono inutili se non si va oltre. Per simili mancanze sono previste sanzioni fino a cinquecento euro.

- Advertisement -

Niente omertà

Eraldo Botta ha invitato i suoi concittadini a non essere “omertosi” neanche nei piccoli gesti. L’ex presidente della Provincia di Vercelli ha fatto alcuni esempio: un cartello stradale storto è tale in quanto c’è stato qualcuno che lo ha danneggiato; la presenza di rifiuti si spiega perché qualcuno li ha lasciati per terra. Ci sono normative ben precise che prevedono apposite sanzioni in caso di lesione. Botta quindi ha chiesto ai residenti di segnalargli ogni episodio di vandalismo.