Avvistamenti a Pulsano (Foto)

Il Consigliere indipendente, Angelo Di Lena: "Malgrado la segnalazione di degrado e di pericolo da parte di un cittadino, il Comune di Pulsano non ottempera ai suoi doveri"

Il Consigliere indipendente, Angelo Di Lena: “Malgrado la segnalazione di degrado e di pericolo da parte di un cittadino, il Comune di Pulsano non ottempera ai suoi doveri”

 

Non deve essere facile vivere con i serpenti che ti entrano in casa in estate dal terreno a fianco, specie quando hai più volte denunciato la situazione al Comune di Pulsano affinché provveda con ordinanza nei confronti del vicino.

 

Loading...

Eppure è proprio così! Questa incresciosa vicenda dai contenuti quasi grotteschi è la realtà in cui vive una signora di Pulsano che non sa più a chi rivolgersi dopo aver chiesto, più volte, l’intervento del Comune per bonificare un terreno posto sotto sequestro dal Tribunale di Taranto, confinante con il suo.


A tal proposito è intervenuto il consigliere indipendente del Comune di Pulsano Angelo Di Lena che si sta interessando della vicenda personalmente dopo gli innumerevoli tentativi di protesta della cittadina.

 

“Ho raccolto nei giorni scorsi le lamentele di una signora di Pulsano che disperata per la scarsa pulizia del terreno confinante al suo dalla quale provengono serpenti, topi e scarafaggi. Nonostante la segnalazione della cittadina risalga oltre 5 mesi fa e, quindi il Comune sia stato da tempo informato ad oggi l’ente non ha mai fatto nessuna ordinanza per intimare al custode giudiziario del terreno confinante sotto sequestro la bonifica dello stesso. Questa situazione denota menefreghismo e superficialità.

 

Faccio presente la gravità del fatto e la pericolosità per la salute dei cittadini nel vivere in una zona popolata da topi, serpenti e scarafaggi. Per questo mi sono attivato personalmente per risolvere il problema e mi auguro che ciò avvenga al più presto.

 

Qualora le cose non dovessero risolversi con un ordinanza del Comune credo che sarà opportuno segnalare il problema all’autorità giudiziaria con tutte le responsabilità del caso“.

Potrebbero interessarti anche