Benno Neumair: schizofrenia indotta da anabolizzanti?

Benno Neumair: forse non lucido quando ha commesso il delitto. Giudice chiede che venga esposto in perizia psichiatrica se gli anabolizzanti che assumeva abbiano potuto creargli uno stato di alterazione psichica

Benno Neumair ormai da tempo è reo confesso: su questo non vi è dubbio. È stato lui ad uccidere i genitori e a gettare i loro cadaveri nell’Adige.

Ma Benno, come sappiamo, era affetto da schizofrenia e nei mesi precedenti all’omicidio, in Germania, aveva subìto un TSO. Tornato in Italia a casa dei genitori, avrebbe dovuto sottoporsi a delle cure in una clinica, ma si rifiutava. Quando finalmente sembrava (quasi) essersi convinto, ha ucciso mamma Laura e papà Peter.

- Advertisement -

Ma il giudice sembra non essere convinto circa lo stato mentale di Benno e (dunque) la sua imputabilità.

Infatti, come riporta il quotidiano L’Adige, “negli accertamenti psichiatrici disposti dal giudice sul figlio trentenne della coppia uccisa, c’è un nuovo dettaglio legato ai possibili effetti provocati sulla psiche del giovane dall’uso continuato ed incontrollato di sostanze anabolizzanti“.

- Advertisement -

È questo il giudizio espresso, alla luce della perizia psichiatrica dei super-esperti, dalla giudice Carla Scheidle, che in uno dei quesiti avrebbe espressamente chiesto che venga chiarito se e come degli anabolizzanti che Benno avrebbe assunto per diversi mesi abbiano potuto influire su un suo stato di alterazione psichica. Gli esperti avranno ora il compito di valutare se al momento del delitto Benno fosse lucido e consapevole, o se, al contrario, gli anabolizzanti che assumeva abbiano potuto provocargli uno stato di alterazione psichica tale da non fargli effettivamente rendere conto di quanto stesse mettendo in atto.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.