Bullismo: Con l’alimentazione giusta si può prevenire?

La lotta al bullismo passa anche dall'alimentazione

“Che cosa cerca il bullo mettendosi in mostra, forse l’amore ma non lo dimostra” cita una dello Zecchino d’Oro che affronta il tema del bullismo. Il bullismo è un tema purtroppo molto noto al giorno d’oggi ma come si fa a prevenirlo?

Il bullo è un soggetto che ha molta autostima e cerca di giustificare l’utilizzo dell’aggressività per raggiungere i propri scopi e cioè dominare su tutto e su tutti. Le vittime che egli preferisce sono sempre i più deboli. Ma come si diventa bulli?

I recenti episodi di bullismo, nei confronti anche dei professori, hanno portato i ricercatori dell’America del Nord e del Sud ad una ricerca che ha abbracciato il campo della nutrizione alimentare. Uno studio accurato quello degli scienziati americani che sono hanno analizzato su un database 1420 di giovani tra i 5 e i 12 anni, suddivisi in quelli che non sono mai stati vittime di bullismo, coloro che a volte sono stati carnefici e a volte vittime, coloro che sono solo stati vittime e infine i cosiddetti bulli valutandoli, poi, con un test neuropsicologico capace di mettere in risalto sia i problemi comportamentali e sia i problemi emotivi, quali ansia, depressione e aggressività che spesso sfocia in episodi di prevaricazione e quindi di bullismo.

Loading...

Uno studio che ha portato gli studiosi a notare come i maschi di otto anni che presentano carenza di ferro e vitamina B12, crescendo possono rischiare di diventare aggressivi. Una percentuale che al momento resta del 10%. L’esperimento è stato effettuato sui topi, analizzando prima la specie maschile e poi quella femminile. Infatti, è completamente differente la situazione delle ragazze, causa il diverso assetto ormonale.

Lo studio ha dimostrato come i bambini sia vittime di bullismo e sia carnefici hanno molta probabilità di diventare anoressici o bulimici. I bulli infatti sono quelli che con più facilità adottando comportamenti che portano indissolubilmente alla bulimia, come ad esempio mangiare molto fino ad abbuffarsi.

Dall’altra parte vi è una cattiva alimentazione, orfana soprattutto di vitamine e ferro. Un problema ai quali si può porre comunque rimedio. Un semplice rimedio prevede il cosiddetto spuntino da consumare, durante la pausa ricreazione, a scuola che avrebbe come effetto anche l’aumento dell’autostima e dell’autocontrollo. Ovviamente alla merendina è preferibile un panino condito con del buon prosciutto crudo o cotto va bene ugualmente.

I cibi ricchi di ferro sono le lenticchie, il fegato, le vongole, il cioccolato fondente. Mentre la vitamina B12 la si trova nelle carni, nei latticini e nelle uova. Non ultime le verdure che ricoprono un ruolo importante nella crescita dei bambini.

Sono preoccupanti, poi, le statistiche che vedono i giovani consumare alcolici con la conseguenza di comportamenti aggressivi e e prevaricatori. Gli alcolici, con la birra in pole position, sono consumati anche dai minorenni per “aiutarsi” a sentirsi più forti e abbattere la paura.

Anche i social network incidono sull’alimentazione e dunque sui comportamenti. Falsi miti da sfatare ma che molte volte divengono star da cui trarre esempio. In quest ultimo caso si parla di cyberbullismo.

L’educazione alimentare, dicono gli esperti, deve partire dalla famiglia. Ma al giorno d’oggi si assiste sempre più a famiglie spaccate all’interno, e di conseguenza genitori assenti o incapaci di dare buoni esempi ai propri figli.

La maggior parte dei ragazzi non fa una colazione adeguata. Sono inoltre in calo coloro che praticano uno sport e trascorrono molte ore del giorno davanti alla televisione o ai videogiochi. A tutto ciò è dovuto l’aumento di obesità giovanile.

Bisogna dunque intervenire sulle cattive abitudini che caratterizzano la nostra vita e correggerle al meglio attraverso una sana alimentazione, attraverso il dialogo e attraverso la socializzazione, solo così potremo prevenire il triste fenomeno del bullismo.

Roby Contarino
Scrittore, poeta, autore di canzoni, blogger, social media manager. Gestisce un blog personale "Ad esempio a me piace scrivere". Collabora oltre che con Quotidian Post anche con CalcioNow, Spynews e Supernews. Ha pubblicato tre romanzi (Un amore, un destino; Come dentro una Bottiglia; All'ombra dell'ultimo sole". A dicembre uscirà il suo nuovo romanzo "Il Pianista e la bambina: vita sopra le righe".
Potrebbero interessarti anche