Carla Caiazzo, si sveglia dal coma e parla la donna a cui il compagno aveva dato fuoco

Carla1

Si è svegliata dal coma e ha pronunciato qualche parola Carla Caiazzo, l’estetista 38enne di Pozzuoli a cui l’ex compagno, Paolo Pietropaolo, aveva dato fuoco per gelosia – era “troppo bella”, ha detto agli inquirenti – cospargendola di benzina mentre era all’ ottavo mese di gravidanza.

Carla ha parlato della sua bambina, Giulia Pia, dicendo che “deve farcela” per lei. La piccola è stata fatta nascere d’urgenza e miracolosamente salvata dai medici del Cardarelli di Napoli, dove la sua mamma ha subito tre interventi chirurgici e rimane ricoverata in gravissime condizioni nel reparto Grandi Ustionati con ustioni sul 50% del corpo. Ma almeno la donna ha ripreso a respirare autonomamente.

Loading...

Intanto, in carcere, Pietropaolo ha detto di aver agito in preda ad un raptus contro la donna che l’aveva lasciato, ma sono state trovate alcune sue lettere che proverebbero il contrario.

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).