Coronavirus Cosenza, risponde il Dottor Marino Mario sui 60 medici in quarantena

Misura cautelativa del Dottor Marino Mario

Fake news o fuga di notizie? Al centro dell’attenzione mediatica e del governo vi è il CoronaVirus. Tale virus ha momentaneamente annullato il presente del Bel Paese che a sua volta ha focalizzato tutte le sue energie al fine di debellare il CoronaVirus anche detto COVID-19.

Il CoronaVirus

Quest’ultimo ha messo in ginocchio l’Italia causando contagi che contano 12.000 persone, di cui 827 vittime. Ogni giorno si apprende la notizia di un contagio avvenuto nelle diverse regioni italiane sino a obbligare una misura restrittiva che gioca un ruolo importante nella tutela del cittadino seppur modificandone temporaneamente le sue abitudini quotidiane.

- Advertisement -

60 medici di base di Cosenza in quarantena

Tra le notizie di contagio di due giorni fa il focus ha interessato 60 medici di base del capoluogo Bruzio, Cosenza, messi in quarantena dopo contatti con un informatore farmaceutico risultato positivo al nuovo coronavirus. A render nota l’informazione è Silvestro Scotti, segretario della Federazione dei Medici di Medicina Generale (Fimmg). Ma a distanza di qualche giorno dalla divulgazione della notizia, una lista recante nomi e cognomi di medici di Cosenza getta nuovamente panico tra i social che condividono la lista dando peso a quei 60 nominativi.

Le misure cautelative del Dottor Marino Mario

Si è voluto approfondire l’argomento contattando la FIMMG Nazionale, FEDERAZIONE ITALIANA MEDICI DI MEDICINA GENERALE, che ha fornito il contatto dell’ incaricato FIMMG di Cosenza, Dottor Antonio Pio D’Ingianna, segretario provinciale FIMMG Cosenza. Il Dottor D’Ingianna ci ha deliziato della sua gentile collaborazione mettendoci in contatto con l’autorevolezza del Dottor Mario Marino, Direttore Dipartimento Prevenzione, che mette l’accento sulle misure cautelative nel rispetto dell’ordinanza nonché DPCM Regionale “si trattava di una misura precauzionale per soggetti che stavano bene ma che per ordinanze previste in caso di contatto con soggetto positivo al CoronaVirus dovevano eseguire un isolamento di 15 giorni”. Tra l’altro il Dottor Marino precisa la presenza autorevole del Virologo Zuccatelli che riconosce l’arduo lavoro e la collaborazione ponendo la sua attenzione sulla metodica adottata dinnanzi ai soggetti contagiati. Lo stesso Dottor Marino in più spiega ” il 10 marzo 2020 esce il Decreto Legge n 14 dove si stabilisce che gli operatori sanitari non devono fare quarantena e pertanto ci si è attenuti al rispetto di tale Decreto”. Ma lo stesso Dottor Marino in quanto alla necessità di quarantena dei 60 medici sottolinea “in maniera inequivocabile che la pubblicazione della lista è stata attenzionata e denunciata ai Carabinieri”.

- Advertisement -

Leggi anche: Coronavirus, se ho la febbre a 37,5 cosa devo fare?