Cosa sta succedendo in Turchia

th

Nella discoteca Reina di Istanbul la notte di Capodanno si è trasformata in una vera e propria strage quando uno o forse tre uomini pesantemente armati sono entrati nel locale ed hanno cominciato a sparare all’impazzata sui presenti. Le vittime della mattanza sono 39, ma alcuni dei feriti sono ricoverati in condizioni gravissime nelle maggiori strutture sanitarie della zona e si teme che possano aggiungersi alla conta di chi ha perso la vita.

Gli attentatori mentre sparavano inneggiavano ad Allah e alla superiorità del mondo musulmano su quello occidentale e questo ha subito fatto capire i loro legami più o meno stretti con il sedicente Stato islamico; questa mattina gli uomini in nero del Califfato hanno rivendicato l’attacco ed hanno definito gli aggressori come “eroici soldati del Califfo”.

Loading...

La città turca di Istanbul, in posizione strategica tra Oriente e Occidente, è stata nell’anno appena trascorso molto spesso presa di mira dei miliziani in nero del sedicente Califfato e sempre nei luoghi simbolo più frequentati dai turisti della parte più occidentalizzata della città. In Turchia nel 2016 che si appena concluso c’è stata una vera e propria escalation di violenza che ha riguardato proprio i posti che sono i preferiti dai tanti turisti che ogni anno scelgono le località alla moda turche per le loro vacanze. Due degli episodi di violenza più gravi sono stati l’attacco suicida che quasi un anno fa ha provocato molte vittime in un gruppo di tedeschi che stavano visitando Istanbul e il doppio attacco suicida che il 10 ottobre 2015 trasformò la Marcia della pace di Ankara in una tragedia. Dopo il fallito golpe del 15 luglio scorso la tensione in Turchia è salita ancora e insieme alla durissima repressione contro i presenti artefici del tentato colpo di Stato è cresciuto anche il numero degli attacchi terroristici in territorio turco. L’ultimo episodio del 2016 ha riguardato anche le relazioni tra Turchia e Russia perché un attentatore ha sparato a sangue freddo all’Ambasciatore russo che stava inaugurando una mostra in una galleria d’arte moderna.

Il 2017 è iniziato con la strage alla discoteca Reina e questo dimostra ancora una volta che la Turchia è sempre di più nel mirino dei terroristi che vogliono colpire le persone, specie i più giovani, nei luoghi di divertimento; la caccia all’uomo è serrata e le autorità turche vogliono prendere i responsabili della strage vivi per chiarire i loro rapporti con i capi del terrorismo internazionale, come abbiano fatto a procurarsi le armi e perché abbiano scelto proprio quella discoteca come obiettivo.

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche