Filippine, rapito ristoratore ed ex sacerdote missionario italiano

DelTorchio

L’uomo, Rolando Del Torchio, 56 anni, originario di Angera in provincia di Varese, è stato prelevato da un commando di sette uomini nel suo caffè – pizzeria a Dipolog City, nel sud delle Filippine. I sequestratori si erano finti dei clienti, poi hanno portato via il proprietario del locale con un motoscafo, ha riferito la polizia.

Del Torchio vive nelle Filippine dal 1988. Ci era arrivato come sacerdote missionario del Pontificio Istituto Missioni Estere (PIME), poi ha lasciato l’abito talare – sembra dopo lo scandalo pedofilia nella Chiesa che ha toccato anche l’arcipelago –, ma è rimasto nel Paese e precisamente nell’isola di Mindanao, lavorando con un’organizzazione non governativa a favore dei contadini locali. In seguito aveva aperto il ristorante Ur Choice Café, dov’è avvenuto il rapimento.

Loading...

I sequestratori potrebbero far parte dei separatisti musulmani – in un Paese a maggioranza cattolica – attivi nella zona con azioni di guerriglia.

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).
Potrebbero interessarti anche