Giornata di terrore oggi a Bruxelles

rinomina
Questa mattina tra le 8 e le 9 Bruxelles ha vissuto momenti di terrore: un doppio attacco terroristico ha colpito l’aereoporto di Bruxelles (l’aereoporto più blindato d’Europa) e la metropolitana Maelbeek, che dista solo 300 metri dal Parlamento Europeo. Al momento si contano circa 35 morti e decine di feriti, di cui nessuna vittima italiana. Molti voli sono stati dirottati all’aereoporto di Francoforte e i voli successivi per e da Bruxelles sono stati cancellati. Anche le stazioni francesi sono state chiuse per setacciare tutti i treni provenienti dal Belgio.
Si teme un attacco alle centrali nucleari del Belgio in particolar modo quella che si trova nei pressi di Bruxelles ed un pacco sospetto è stato trovato nel Palazzo Reale della capitale. Il Belgio è bloccato, molte misure di sicurezze sono state attivate: è stata vietata la circolazione dei cittadini e dei mezzi pubblici, le scuole sono state chiuse con gli studenti dentro vietando l’accesso ai genitori.
Dopo l’attacco di Parigi, dove si è scoperto che una delle cellule ISIS viveva proprio a Bruxelles, per Bruxelles non c’è stata più pace. Già ad agosto era stato scampato un attacco, all’interno del treno ad alta velocità che unisce la Francia con il Belgio, grazie ai Marines che hanno scoperto in tempo gli attentatori
Oggi è il giorno più difficile per il Belgio dopo la seconda guerra mondiale.

Loading...
Potrebbero interessarti anche