Girasole, come coltivarlo in vaso o nell’orto

Come coltivare questo straordinario fiore. ecco tutti i consigli

girasole
Photo Credit: Pixabay

In questo periodo di primavera è bello poter adornare la propria terrazza o giardino con piante e fiori. Oggi vedremo come coltivare il girasole in vaso, uno straordinario fiore vivace dal colore giallo intenso e la sua altezza regale.

La pianta di Girasole

Il Girasole è denominato Helianthus annuus e si tratta di una coltura annuale. Tra gli ortaggi un suo strettissimo parente è il topinambur (Helianthus tuberosus), di cui si raccoglie il tubero.

Esistono molte varietà di diversa taglia. Può arrivare a due metri ma anche quattro si sviluppa in altezza in un unico gambo. La caratteristica più famosa di questo fiore è l’eliotropismo, ovvero la capacità di orientarsi sempre in direzione del sole, a cui la pianta deve anche il suo nome. Quello che non tutti sanno è che sono solo i girasoli giovani a girarsi seguendo il moto apparente del sole, prima della fioritura. I girasoli fioriti invece sono sempre rivolti verso oriente. Un’interessante caratteristica del girasole è la capacità di depurare il terreno da sostanze inquinanti.

Clima e terreno ideale per il girasole

La pianta di Girasole non teme il caldo essendo un fiore estivo sopporta bene la calura. Sopporta senza danno anche brevi periodi di aridità, ma teme l’eccessiva umidità: i ristagni provocano marciumi radicali letali alla pianta.

Per quanto riguarda il terreno deve essere drenante, preferibilmente ricca di sostanza organica, per questo è utile una concimazione prima dell’impianto, con letame maturo o stallatico. Nella lavorazione bisogna vangare in profondità prima della semina.

Seminare i Girasoli

Il periodo di semina del girasole va da marzo fino alla fine di aprile essendo un seme di buona dimensione si può metterlo direttamente in campo, confidando che germini senza grandi difficoltà.

Se si vuole seminarlo in vaschetta si può fare qualche settimana prima però essendo una pianta con grandi radici non bisogna quindi aspettare troppo tempo a trapiantare, perché in vasetto soffrirebbe. Le piante di girasole si mettono a 15/20 cm l’una dall’altra, tra le file conviene lasciare 60 cm di spazio tra le file per avere un passaggio e lasciar luce alle piante.

Coltivazione in vaso del girasole

Coltivare il girasole in vaso è possibile, basta avere un balcone con una buona esposizione solare dove tenere questa pianta. Esistono varietà nane che raggiungono i 30 cm di altezza e sono le più indicate per la coltivazione da terrazzo. Alla base del vaso occorre mettere ghiaia o argilla espansa, per garantire il drenaggio di eventuali innaffiature in eccesso. Il girasole in vaso deve essere irrigato regolarmente, senza esagerare con le quantità d’acqua apportate.

Raccolta dei semi di girasole

Per chi volesse raccogliere i semi della pianta di girasole basta aspettare che il fiore secchi del tutto. Ogni fiore contiene un gran numero di semi, come si vede anche esternamente. Se invece si coglie il fiore come ornamento per fini estetici ovviamente bisogna prenderlo prima, nel pieno del suo splendore.