Glee, Naya Rivera ritrovata morta per salvare il figlio

Naya Rivera è stata ritrovata morta nel lago Piru dopo 6 giorni di ricerche, la donna avrebbe perso la vita per salvare quella del figlio

Photocredit Naya Rivera Instagram

Si è risolto il mistero della scomparsa di Naya Rivera, l’attrice nota per essere tra le protagoniste della famosa serie televisiva Glee. Nei giorni scorsi è stata denunciata la scomparsa dell’attrice nei pressi del lago Piru nella contea di Ventura, Naya è stata cercata con assiduità e costanza e nella serata di ieri è stato comunicato il suo ritrovamento dallo sceriffo del territorio, che ha reso noto il decesso e il motivo per i quali sarebbe avvenuto.

Secondo i primi accertamenti e secondo quanto ha riferito il piccolo Josey, testimone dell’intera vicenda l’attrice di Glee sarebbe morta per salvare il figlio. Lo sceriffo Bill Ayub ha riferito alla stampa: “Ha raccolto le energie per riportare suo figlio sulla barca, ma non abbastanza per salvarsi. Il piccolo Josey ha raccontato che sua mamma lo ha aiutato a risalire a bordo della barca. Poi, però, si è voltato indietro e l’ha vista scomparire sott’acqua”.

Il bambino che è stato ritrovato addormentato da solo sulla barca ha raccontato che era uscito con la madre per trascorrere una giornata al lago, a quanto pare Naya era pratica del posto, ma poi è successo qualcosa e l’attrice per salvare il figlio non è riuscita a sopravvivere, il bambino ha infatti più volte ripetuto d’averla vista scomparire in acqua.

Naya Rivera corpo ritrovato dopo 6 giorni di ricerche

Naya Rivera è stata ritrovata dopo 6 giorni di ricerche in una zona nord-est del lago. Presenti sul luogo anche i famigliari dell’attrice che hanno dovuto constatare il decesso. Anche molti amici di Naya colleghi di set di Glee sono accorsi sul posto mentre altri hanno condiviso il loro dolore sui social. Il piccolo Josey intanto è stato affidato al padre Ryan Dorsey che si sta prendendo cura di lui molto provato dalla morte della mamma