Il pericolo per le donne che viaggiano da sole: attenzione al check-in

Gli esperti di viaggio raccomandano attenzione alle donne che viaggiano da sole durante il check-in. Il personale alberghiero può commettere un grave errore.

Sempre più donne decidono di partire da sole per una vacanza o per lavoro. Si mettono in viaggio sapendo di dover prestare attenzione ai luoghi frequentati e alle persone che si incontreranno in una città straniera, poco nota e in cui non si hanno amicizie. In poche, però, immaginano il pericolo che potrebbe celarsi dietro il check-in. C’è un errore che il personale alberghiero commette, un errore grave in termini di sicurezza. Lo hanno rivelato gli esperti di viaggi.

Qual è l’errore commesso dal personale alberghiero

La sicurezza è una priorità sempre, specialmente quando si viaggia da sole. Ci sono mille pericoli nel mondo a cui prestare attenzione e spesso si abbassa la guardia quando ci si sente protetti come in una hall di un hotel, durante il check-in. Eppure gli esperti di viaggio ammoniscono le persone che tendono a rilassarsi davanti al personale alberghiero.

- Advertisement -

Nello specifico bisognerebbe impedire che l’addetto al check-in legga ad alta voce il numero della camera in cui si soggiornerà. Purtroppo succede più spesso di quanto si pensi mettendo in pericolo le donne che viaggiano da sole. Chiunque, infatti, potrebbe aver notato che non ci sono accompagnatori e conoscere il numero della stanza potrebbe spingere i malintenzionati ad approfittare delle circostanze.

Se il personale alberghiero, dunque, dovesse dire a voce alta il numero della stanza si dovrebbe richiedere una nuova assegnazione senza che questa venga divulgata in pubblico. Non pensate che tale atteggiamento sia eccessivo, impossibile sapere chi è in ascolto in quel momento. Meglio evitare pericoli e dire fin da subito che il numero della stanza non deve essere annunciato ad alta voce.

Valentina Trogu
Valentina Trogu
Web content writer, scrittrice e mediatrice familiare. Laureata in sociologia-analisi delle politiche sociali. Mi occupo della stesura di articoli toccando varie tematiche tra cui economia, salute, tecnologia. In questo modo posso coltivare la mia passione per la scrittura e cercare di rendere fruibili le informazioni ad un maggior numero di persone.