La’ dove non passano i secoli: Villa Arconati

Arte, bellezza e cultura in una delle piu' celebri ville del Settecento, nel milanese

Magnifica, immersa  nel  parco delle Groane in un verdissimo giardino celebre per i suoi arditi giochi d’acqua, Villa Arconati  è un raffinato esempio architettonico in stile barocchetto lombardo del Settecento. In questo secolo infatti raggiunse il suo massimo splendore, il cui merito va al conte Galeazzo Arconati, famoso collezionista di opere come Il Codice Atlantico di Leonardo da Vinci, e l’antica statua romana di Tiberio, detta di Pompeo Magno sotto cui, secondo la leggenda, sarebbe stato pugnalato Giulio Cesare.La famiglia trasformò così la villa in una delle più prestigiose “ville di delizie” dei dintorni di Milano. All’attuale  impianto iniziato nel 1742 furono aggiunte l’ala sud-ovest e la nuova facciata a sud in stile tardo-barocco lombardo. anche i giardini, in origine in stile italiano, furono trasformati alla francese.

Le opere d’arte

Nella sua lunga storia, dunque, la Villa, detta anche il Castellazzo di Bollate, ospitò notevoli opere d’arte:  oltre a quelle già enunciate, vanno ricordati i bassorilievi del Monumento Funebre a Gaston de Foix, che oggi si trovano al Castello Sforzesco. Molti di questi capolavori sono andati perduti. Rimangono tuttavia i mirabili affreschi nel Salone delle Feste, che rappresentano il Carro del Sole, la caduta di Fetonte, l’Allegoria del Tempo, scene mitologiche coronate da grandi architetture troempe d’oeil, l’opera più celebre dei Fratelli Galliari, pittori e scenografi del Teatro alla Scala di Milano.

Incantevoli sotto questo aspetto sono anche i giardini, ornati da statue, fontane, un piccolo lago,e i teatri ( gruppi scultorei messi in risalto da quinte in muratura) di Diana, Pompeo e Andromeda.

Villa Arconati oggi.

Attualmente la Villa è sede della Fondazione Augusto Romicilio, che ha l’obiettivo di promuovervi attività culturali e didattiche e un  notevole progetto di restauro e rinnovamento.

Molte sono le iniziative che vi si svolgono, come conferenze, spettacoli musicali (il Festival di Villa Arconati che si tiene d’estate), rievocazioni storiche del 1700, etc…

La Commedia Segreta di Villa Arconati

Il prossimo appuntamento sarà sabato 20 ottobre ’18, il giorno in cui si terrà “la Commedia Segreta degli Arconati”, ovvero una vera e propria “visita a sorpresa” attraverso la storia passata e presente che animerà gli splendidi ambienti della villa.

Per l’occasione , nei giorni 20 e 21 ottobre si potranno visitare, oltre al Parco, il Piano Terra e le Scuderie, anche il Piano Nobile attraverso un percorso più ampio volto a scoprirne “i segreti”, a fianco ai personaggi più illustri  che vi hanno abitato.

Si passa dagli “appartamenti delle signore” alle sale degli uomini”, rivivendone vicende pubbliche e private oltre agli svaghi a cui si dedicavano.

Info: 393 8680934;  segreteria@villaarconati.it .

Grazia Paganuzzi

 

 

Sono una giornalista pubblicista dal 1991 laureata in Pedagogia, specializzata in turismo culturale: antichi centri storici e borghi d'arte, residenze d'epoca, castelli, mostre d'arte, storia e musica... Ho viaggiato in Italia, Area Mediterranea, Europa e Centr'America. Ho un mio sito: "voyagedart.com".
Potrebbero interessarti anche