Le nostre scelte alimentari influenzate dalla musica

Anche la musica influisce su ciò che mangiamo

Uno studio della University of South Florida, pubblicato sulla rivista Journal of the Academy of Marketing Science ha rivelato che quando mangiamo a pranzo o a cena fuori le nostre scelte alimentari sarebbero influenzate dalla musica presente nel locale ed anche dal volume della stessa. La correlazione tra musica e quello che decidiamo di ordinare è un meccanismo inconscio che non si può controllare ed è determinato dall’area del cervello che controlla le nostre emozioni e le nostre reazioni più ancestrali.

Il volume dalla musica, in particolare, sarebbe il vero responsabile delle nostre scelte alimentari. Se il sottofondo musicale è dolce, ha un effetto calmante e rilassante, rendendoci più consapevoli di ciò che ordiniamo, e questo comporta scelte più salutari (come ad esempio insalata e piatti amici della linea), se invece la musica è più forte, aumenta la stimolazione e lo stress e questo ci porta a desiderare di più pietanze meno sane (hamburger e patatine, fritti, piatti ricchi di grassi saturi nemici della nostra dieta).

Secondo lo stesso studio la musica viene usata da bar, ristoranti e centri commerciali in modi strategico per innescare quei meccanismi inconsci che ci spingono a scegliere di ordinare cibi poco sani, ricchi di sale, grassi e zuccheri, ma più costosi. In Svezia, in un bar di Stoccolma, si è visto chiaramente che i clienti sottoposti ad una musica dal volume alto ordinavano tutti piatti molto calorici e molto spesso fritti, mentre i clienti che entravano nel locale quando la musica era bassa e dolce erano più calmi ed ordivano piatti sani, leggeri ed equilibrati.

Il nostro cervello reagisce in modi molto diversi agli stimoli che riceve dall’ambiente che ci circonda ed è in grado di stabilire cosa l’organismo richiede in un particolare momento della giornata. Lo stimolo musicale è uno ei più importanti e per questo riesce a farci ordinare anche piatti che naturalmente non ordineremmo perché sappiamo che sono pericolosi per la linea e per la nostra salute.

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche