Lizzano – Arrestato 26enne (Foto)

Il comunicato stampa

I Carabinieri di Lizzano hanno arrestato un ragazzo di 26 anni per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti

La nota stampa dei militari – Spaccio di stupefacenti, un arresto a Lizzano

I Carabinieri della Stazione di Lizzano (in provincia di Taranto), con l’ausilio del personale del Nucleo Cinofili Carabinieri di Modugno (in provincia di Bari), hanno tratto in arresto, in flagranza del reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, un ragazzo di 26 anni incensurato del posto.

I Carabinieri insospettiti da un continuo andirivieni dal domicilio del giovane, hanno deciso di effettuare una perquisizione

I militari, durante un servizio antidroga, insospettiti da un continuo andirivieni di giovani dall’abitazione del 26enne, hanno deciso di effettuare una perquisizione domiciliare.

Il risultato della perquisizione domiciliare mediante il prezioso contributo del cane “Nero” – Le sostane stupefacenti, il materiale per il taglio e il confezionamento e la somma ritenuta provento dell’attività di spaccio

Loading...

Durante le operazioni, grazie al prezioso contributo del cane “Nero”, gli operanti rinvenivano, ben occultati in un borsello riposto all’interno di un ripostiglio, gr. 85 di hashish, gr. 34,10 di cocaina, materiale per il taglio e il confezionamento delle dosi, nonché la somma contante di € 640,00 suddivisa in banconote di piccolo taglio, sottoposta a sequestro, in quanto ritenuta provento dell’attività di spaccio.

Il ragazzo, dopo essere stato condotto in caserma e al termine delle formalità di rito, è stato sottoposto agli arresti domiciliari

Il giovane 26enne, condotto in caserma, al termine delle formalità di rito, è stato arrestato per spaccio e, su disposizione dell’A.G., sottoposto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.

La sostanza stupefacente rinvenuta all’interno del domicilio del ragazzo sarà analizzata dal L.A.S.S. del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri del capoluogo ionico; la somma, invece, è stata depositata su un libretto di deposito giudiziario

La sostanza stupefacente sarà analizzata dal L.A.S.S. del Reparto Operativo del Comando Provinciale Carabinieri di Taranto, mentre la somma di denaro è stata versata su un libretto di deposito giudiziario infruttifero.

Detenzione e spaccio modica e ingente quantità

Detenzione ai fini dello spaccio, l’attenuante del fatto di lieve entità e l’aggravante dell’ingente quantità una cornice edittale che, in dipendenza del quantitativo di sostanza stupefacente detenuta, abbraccia oltre trenta anni di reclusione.

Qui di seguito, oltre alle norme di riferimento, abbiamo segnalato la giurisprudenza più recente sotto il profilo della valutazione del dato ponderale ai fini della valutazione:

a) dell’esistenza del reato;
b) dell’applicabilità della circostanza attenuante di cui al quinto comma dell’art. 73 del DPR n 309 del 1990;
c) dell’applicabilità della circostanza aggravante di cui al comma secondo dell’art. 80.

Art.73
Produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti o psicotrope.