Lizzano – Arrestato 26enne e denunciato coetaneo (Foto)

Spaccio a Lizzano, un arresto e una denuncia

I Carabinieri arrestano un 26enne trovato in possesso di 45 grammi di hashish e hanno, altresì, denunciato in stato di libertà un coetaneo sorpreso con una mazza da baseball in auto

La nota stampa della Stazione dei Carabinieri

I Carabinieri dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia di Manduria, durante un servizio finalizzato alla prevenzione e repressione di reati, hanno tratto in arresto, in  flagranza di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio, un 26enne di Lizzano.

I militari lo avevano notato a bordo di un’auto sospetta e, a seguito della perquisizione personale, lo hanno trovato in possesso di sostanza stupefacente

Il giovane, era stato notato a bordo di un’autovettura sospetta condotta da un suo coetaneo; sottoposto a perquisizione personale, veniva trovato in possesso di 45 grammi di hashish.

I Carabinieri hanno, altresì, perquisito l’abitazione del giovane lizzanese, trovando un cutter ancora intriso della sostanza dianzi menzionata

La ulteriore e successiva perquisizione domiciliare consentiva, altresì, ai Carabinieri di rinvenire, nella disponibilità del giovane, un cutter ancora intriso della medesima sostanza stupefacente.

Loading...

Il ragazzo di 26 anni, dopo le consuete formalità, è stato tratto in arresto e condotto presso la casa circondariale di Taranto

Il 26enne, dopo le formalità di rito, è stato, dunque, dichiarato e tratto in arresto e, su disposizione del P.M. di turno, è stato, altresì, tradotto presso la casa circondariale del capoluogo ionico.

Al contempo, i militari hanno denunciato il coetaneo del lizzanese arrestato per detenzione di oggetti atti a offendere; poiché, dopo perquisizione veicolare e personale, è stato trovato in possesso di una mazza da baseball occultata nell’abitacolo della vettura

Nel medesimo contesto, gli operanti hanno, altresì, denunciato in stato di libertà, per detenzione di oggetti atti a offendere, il 26enne lizzanese (coetaneo del ragazzo tratto in arresto), conducente dell’auto che, a seguito della perquisizione personale e veicolare, veniva trovato in possesso di una mazza da baseball, la quale era stata abilmente occultat, dallo stesso, nell’abitacolo dell’autovettura.

Spaccio sostanze stupefacenti

Lo spaccio e la detenzione ai fini di spaccio vanno peraltro provati dall’accusa: infatti, a seguito della depenalizzazione della detenzione per uso personale di sostanze stupefacenti in esito al referendum abrogativo di talune disposizioni del D.P.R. 9 ottobre 1990 n. 309 (D.P.R. 5 giugno 1993 n. 171), la destinazione allo spaccio costituisce un elemento costitutivo del reato di illecita detenzione di droga e, come tale, deve ovviamente essere provata dall’accusa, non potendo farsi carico all’imputato di provare la destinazione a uso personale della sostanza di cui e stato trovato in possesso). Sussiste peraltro il cd. onere di allegazione, cioè l’onere di far presente elementi di discolpa.

La valutazione in ordine alla destinazione della droga (se al fine dell’uso personale – penalmente irrilevante – o della cessione a terzi – penalmente rilevante) è effettuata dal giudice secondo parametri come:

  • la quantità,
  • la qualità e la composizione della sostanza , anche
  • in rapporto al reddito del detentore e del suo nucleo familiare nonché
  • la disponibilità di attrezzature per la pesatura o il confezionamento della sostanza oltre che
  • sulla base delle concrete circostanze del caso