Lomabardia e Lazio le regioni più a rischio terrorismo

Importante indagine sulla situazione sicurezza

Secondo quanto emergerebbe dal quanto emerge dallo studio “Global Terrorism Index 2017” di Demoskopika sarebbero Lombardia e Lazio le regioni italiane più a rischio di infiltrazioni terroristiche. Insieme a Lazio e Lombardia ci sarebbero anche Piemonte ed Emilia Romagna tra le regioni in cui sono più facili infiltrazioni terroristiche, soprattutto perché in queste regioni transiterebbero la maggior parte dei tanti foreign fighters che dai campi di addestramento del sedicente Stato islamico in Siria e Iraq si spostano per compiere attentati in Europa; non a caso il terrorista che fece strage al mercatino di Natale di Berlino era passato da Sesto San Giovanni dove poi venne ucciso dalla polizia italiana.

Demoskopika utilizza quattro indicatori per classificare le nostre regioni e stabilire il rischio terrorismo: le intercettazioni autorizzate, gli attentati avvenuti in territorio italiano estrapolati dal Global Terrorism Database dell’università del Maryland, gli stranieri residenti in Italia provenienti dai primi cinque paesi considerati la top five del terrore dall’Institute for Economics and Peace (Iraq, Afghanistan, Nigeria, Siria e Pakistan) e il numero dei visitatori nei musei italiani.

Il fatto che in queste regioni siano residenti un grande numero di stranieri che provengono considerati ad altissimo rischio terrorismo di certo influenza la valutazione finale dell’indagine di Demoskopica. Ovviamente vengono prese in considerazione anche particolari situazioni di degrado delle periferie urbane che possono spingere gli stranieri a sentirsi ghettizzati ed a radicalizzarsi fino a decidere di compiere attentati. E’ noto a tutti, infatti, che particolari situazioni di degrado possono favorire l’insorgere di fenomeni di terrorismo.

Loading...

Sarebbero 68 poi gli attacchi terroristici avvenuti in Italia negli ultimi undici anni, inclusi nel Global Terrorism Database secondo tre criteri ben precisi; atti terroristici che perseguono obiettivi politici, economici, religiosi o sociali. In generale l’Italia condivide con il resto del mondo il pericolo terrorismo ma è meno a rischio rispetto a Paesi come la Francia e la Gran Bretagna che negli ultimi tempi sono stati pesantemente colpiti da  atti terroristici di matrice islamica.

 

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com