Manduria – Denunciato per ricettazione (Foto)

A incastrarlo sarebbe stata la vendita on-line dei manufatti

Denunciato dalla Polizia di Stato un uomo di 71 anni per ricettazione di giare; a incastrare l’uomo sarebbe stata la vendita on-line delle suddette

Di seguito, la nota stampa

Durante la mattinata di ieri, venerdì 29 dicembre, gli Agenti del Commissariato della Polizia di Stato della città messapica, hanno denunciato in stato di libertà un uomo di 71 anni, per ricettazione di giare; difatti, a incastrare l’uomo sarebbe stata la vendita on-line delle medesime.

Il ritrovamento dei molteplici manufatti è scaturito dalla denuncia sporta da un cittadino che aveva riconosciuto una sua giara, la quale era stata messa in vendita su internet

Il ritrovamento presso la sua abitazione di numerose giare e manufatti in terracotta e cemento, trae origine dalla denuncia di furto, la quale era stata sporta da un cittadino presso gli uffici di Polizia lo scorso 27 dicembre.

Difatti, lo stesso, nei giorni successivi, ha riconosciuto come propria una giara posta in vendita dall’uomo su un sito web.

A seguito della segnalazione, gli Agenti si sono mobilitati eseguendo una serie di accertamenti

Loading...

Sulla base di tale segnalazione, gli Agenti hanno immediatamente eseguito una serie di accertamenti incrociati, i quali hanno, poi, consentito di risalire al rivenditore e al domicilio di residenza.

Gli Agenti, una volta recatisi presso la sua abitazione, hanno rinvenuto anche altri manufatti in terracotta

Recatisi presso la sua abitazione, gli operanti, al termine di un controllo effettuato nel suo appartamento e nelle pertinenze, oltre a rinvenire la giara esposta in rete oggetto di furto, hanno rinvenuto numerosi altri manufatti in terracotta, sottoposti a sequestro per gli opportuni accertamenti, secondo la giusta disposizione emessa dall’A.G. competente.

Le giare sono state affidate a un custode giudiziale

Le giare, al termine dell’espletamento di legge, sono state affidate a un custode giudiziale autorizzato, allo scopo di consentire a chiunque di prenderne visione, previ contatti con il Commissariato di Manduria.

Ricettazione – Art. 648 del Codice Penale

Fuori dei casi di concorso nel reato, chi, al fine di procurare a sé o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto, o comunque si intromette nel farle acquistare, ricevere od occultare, è punito con la reclusione da due ad otto anni e con la multa da cinquecentosedici euro a diecimilatrecentoventinove euro [709, 712]. La pena è aumentata quando il fatto riguarda denaro o cose provenienti da delitti di rapina aggravata ai sensi dell’articolo 628, terzo comma, di estorsione aggravata ai sensi dell’articolo 629, secondo comma, ovvero di furto aggravato ai sensi dell’articolo 625, primo comma, n. 7-bis).
La pena è della reclusione sino a sei anni e della multa sino a cinquecentosedici euro, se il fatto è di particolare tenuità [62 n. 4, 133].
Le disposizioni di questo articolo si applicano anche quando l’autore del delitto, da cui il denaro o le cose provengono, non è imputabile [85] o non è punibile [379, 649, 712] ovvero quando manchi una condizione di procedibilità riferita a tale delitto.