Il modo in cui facciamo la valigia rispecchia la nostra personalità

imagesKADT7V72

Dimmi come fai la valigia e ti dirò chi sei!

Già, perché la valigia è un po’ come un biglietto da visita: il modo in cui disponiamo gli  i vestiti, con quanto anticipo la  prepariamo e cosa  decidiamo mettervi, sono tutte cose che parlano di noi.

Loading...

Se ad una stazione ferroviaria dovessimo fermarci ad aprire le valigie di ogni viaggiatore, scopriremmo molte cose su di loro, anche senza conoscerli.

Si sa, quando ci si mette in viaggio, si va verso l’ ignoto, perché se anche la meta è un posto noto, non si sa mai cosa potrebbe accadere. Ed è per questo che la valigia è forse l’ oggetto che più infonde sicurezza a chiunque si appresti a fare un viaggio.

Essendo la valigia un oggetto così importante, ciascuno ha un proprio modo di prepararla, dettato dalla propria indole: caratteri diversi corrispondono ad un diverso modo di preparare i bagagli.

Il viaggiatore previdente prepara la valigia con così tanto anticipo, che probabilmente al momento della partenza non si ricorderà neanche cosa ha messo in valigia! Inoltre mette in valigia vestiti che finirà per non indossare, oggetti che non userà per niente, per non parlare di tutti i medicinali che vi butterà all’ interno nel caso in cui non dovesse sentirsi molto bene.  Non serve uno psicologo per spiegare che una persona di questo tipo è molto insicura. Potrebbe anche essere una persona che ama viaggiare, ma vive con la paura costante che qualcosa possa andare storto, ed allora si prepara ad ogni evenienza, portandosi tutto ciò che, anche se inutile, possa infondergli sicurezza.

In antitesi c’è il viaggiatore rilassato, quello che prepara la valigia all’ ultimo minuto. Lui, mentre prepara la valigia, altro non ha in mente se non la meta che sta per raggiungere. Porta con sé solo l’ indispensabile, pensando che, se avrà bisogno di qualcosa se la procurerà una volta giunto a destinazione.  Il fatto stesso di preparare i bagagli con così poco anticipo denota una grande fiducia in sé stessi.

Infine c’è il viaggiatore ansioso, che prepara diligentemente la sua valigia, pensando e ripensando a cosa si vuole portare. Riapre mille volte la valigia per aggiungere, togliere e controllare di non aver dimenticato niente. Alla fine la sua, più che una valigia, sarà una vera e propria “casa con le ruote”.  Probabilmente l’ ansia legata alla preparazione della valigia ha a che fare col desiderio di raggiungere la meta delle proprie vacanze o forse, anche in questo caso, con una certa insicurezza.

 

Potrebbero interessarti anche