Novità sul mistero di Elena Ceste

elena ceste

Il misterioso caso di Elena Ceste resta ancora nell’oscurità,a distanza di otto mesi dalla sua scomparsa il ritrovamento del suo cadavere sembrava aver fornito una svolta alle indagini ma, le cause della morte sono ancora incerte.

Continuano le indagini e i sopralluoghi e scavando con un setaccio tra il fiume Tanaro e la ferrovia per Alba i carabinieri hanno trovato mani, piedi e vertebre della donna. Il materiale è stato immediatamente recapitato alla medicina legale per essere esaminato, il direttore della medicina di Alba, dove è stata fatta ieri l’autopsia, Francesco Romanazzi ha coordinato il sopralluogo.

Loading...

Restano comunque nel dubbio le cause della sua morte. Sul suo corpo non sarebbero stati ritrovati segni di violenza e ciò sembrerebbe accreditare l’ipotesi di chi sostiene che la donna, da tempo depressa e in crisi con se stessa, abbia scelto di suicidarsi. L’ipotesi opposta, invece, vede come colpevole il marito della donna che sarebbe stato spinto da una lite avvenuta il giorno prima della scomparsa. Il marito, sconvolto dall’accusa, afferma: “Assurdo, non hanno prove,non capisco. io non le ho fatto nulla, sono tornato a casa e non l’ho più trovata”, anche i familiari della vittima donano al marito di Elena il beneficio del dubbio ed è proprio il padre della donna che dichiara: “Abbiamo fiducia in Michele. Sino a prova contraria”.

Resta un velo misterioso su questa storia, solo le indagini riusciranno forse a fare chiarezza su come la donna, madre di quattro figli abbia lasciato questa terra,le analisi del corpo chiariranno i dubbi, per il momento la situazione sembra quasi un giallo di un film poliziesco.