Omicidio Avellino, il fidanzato: “È stata lei ad architettare tutto”

L'avvocato di Elena Gioia rifiuta l'incarico. La mamma lo aveva chiamato subito dopo la confessione: "Ora devo cercare di salvare mia figlia", aveva dichiarato la donna

Accuse reciproche per i due fidanzatini assassini che hanno architettato la morte della famiglia di lei perché rea di essersi opposta alla loro unione.

Elena Gioia, 18 anni, ha infatti spinto il suo fidanzato ad accoltellare il padre (nei suoi piani vi erano anche la mamma e la sorella) al culmine di un litigio avvenuto a causa della contrarietà di quest’ultimo alla loro relazione. Aldo Gioia non voleva che la figlia frequentasse Giovanni Limata, perché già precedentemente fermato per uso di droghe ed altri passati episodi di violenza.

- Advertisement -

Nei piani dei due fidanzati, anche l’eliminazione della mamma e della sorella, che non è avvenuta per motivi ancora da accertare dagli inquirenti.

Elena e Aldo quella sera litigano, poi a un certo punto Elena esce con una scusa, e lascia di proposito la porta aperta. È in quel momento che fa irruzione Giovanni Limata, che accoltella Aldo Gioia. Elena rientra in casa e chiama i soccorsi, dicendo che un ladro è entrato in casa.

- Advertisement -

Ma durante l’interrogatorio, la mamma, che fino a quel momento era rimasta in silenzio, sbotta e le dice di smettere di mentire: sa che è stata lei a fare uccidere il papà.

A quel punto i carabinieri si recano a casa di Giovanni Limata, che confessa subito l’omicidio e dice che è stata lei a convincerlo a commetterlo.

- Advertisement -

Ora i due rischiano l’ergastolo per omicidio volontario, pluriaggravato perché commesso con premeditazione, per futili motivi e contro un familiare. L’avvocato di fiducia di Elena Gioia ha rifiutato l’incarico, mentre a Limata ne sarà assegnato uno d’ufficio.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.