Omicidio Faenza: Nanni rinuncia all’eredità della figlia

Claudio Nanni rinuncia all'eredità dal carcere. Qualcuno sostiene si tratti di "strategia processuale", ma il legale dell'uomo afferma: "No, è stato il mio assistito a decidere di rinunciare"

Claudio Nanni ha rinunciato all’eredità di Ilenia: così facendo si è evitato una causa civile per indegnità. Una strategia processuale, pensano in molti, ma l’avvocato Furnari assicura che si è trattato di “una espressa volontà dell’assisitito”. Lo riporta Il Resto del Carlino

L’indegnità è un istituto giuridico con il quale è possibile estromettere un soggetto dall’eredità perchè, appunto, indegno, a causa di determinate condotte tenute nei confronti del defunto.

- Advertisement -

Nello specifico, anche una causa (o una condanna) pendente sull’erede per l’omicidio del parente del quale dovrebbe acquisire l’eredità, lo rende infatti “indegno”, e dunque incapace di ereditare. Ed è questo il caso.

Claudio Nanni, come sappiamo, è attualmente in carcere per l’omicidio della moglie Ilenia Fabbri, e ha perciò deciso di essere egli stesso a rinunciare all’eredità, in modo da evitare problemi futuri anche alla figlia Arianna.

Francesca Angelica Ereddia
Francesca Angelica Ereddia
Classe 1990, Laureata in Giurisprudenza, siciliana, una passione per la scrittura, la musica e l'arte. Per aspera ad astra, dicevano. Io, nel frattempo, continuo a guardare le stelle.