Serie A: continua la sfida a due per il campionato tra Juve e Inter

Bianconeri e nerazzurri allungano su tutte le altre e continuano a sfidarsi per il primo posto

Serie A: continua la sfida a due per la classifica tra Juventus e Inter

Dopo la dodicesima giornata di Serie A, Juventus e Inter continuano la loro corsa verso il primo posto. Guardando i risultati, è un’autentica sfida a due quella tra il club torinese (campione da ormai 8 anni consecutivi) e il club milanese che è tornato ai piani alti dopo qualche stagione al di sotto delle aspettative. I due rispettivi allenatori, Maurizio Sarri e Antonio Conte, stanno cercando di fare il massimo per muovere al meglio le loro pedine e intascare i 3 punti in ogni partita.

Serie A: Juventus e Inter continuano a vincere

Anche nella dodicesima giornata di Serie A 2019/2020 i bianconeri e i nerazzurri hanno centrato la vittoria, distaccandosi così ancora di più dalla terza in classifica. Procedono in solitaria le due compagini, a dividerle un solo punto di differenza.

Nell’ultima giornata, gli uomini di Antonio Conte sono scesi in campo Sabato alle ore 18:00 a San Siro contro l’Hellas Verona (una delle migliori difese del campionato). La compattezza difensiva e la forza fisica degli ospiti hanno messo a dura prova i nerazzurri che, complice anche la stanchezza per i vari impegni, hanno trovato la vittoria soltanto nei minuti finali, grazie a un gol strepitoso di Nicolò Barella e vincendo così 2-1. (prima di lui a segno Verre e Vecino)

La Juventus ha invece ospitato il Milan all’Allianz Stadium di Torino nel posticipo di Domenica alle ore 20:45. Anche per i bianconeri si è rivelata una partita difficile, con i rossoneri che hanno fatto gioco per la maggior parte del tempo. Nella ripresa l’uscita di Cristiano Ronaldo e i cambi, hanno garantito ai bianconeri un’altra vittoria, grazie al gol di Paulo Dybala al termine di un’azione imprevedibile. Juventus che, seppur stanca e poco convincente, rimane in cima grazie all’1-0.

Gli altri risultati della dodicesima giornata

Sebbene Juventus e Inter siano sotto i riflettori, visto il loro campionato (Juventus ancora imbattuta nell’intera stagione), sono state tante le sorprese in quest’ultima giornata di campionato.

Ad aprire il weekend calcistico c’è stato il Derby emiliano tra Sassuolo-Bologna, disputato Venerdì alle ore 20:45 e terminato 3-1 per i padroni di casa. In rete Ciccio Caputo, Jeremie Boga, Riccardo Orsolini e poi ancora Caputo, ispiratissimo.

Nella giornata di Sabato sono scese in campo Brescia-Torino alle ore 15:00, Inter-Hellas Verona alle ore 18:00 (come già visto terminata 2-1), Napoli-Genoa nell’anticipo serale delle 20:45. Tra Brescia e Torino non c’è stata storia; nonostante il cambio allenatore nella panchina dei padroni di casa (via Corini, al suo posto Grosso), i granata hanno dato un chiaro segnale a Mazzarri travolgendo gli avversari per 0-4. Doppietta su rigore di Andrea Belotti, due reti anche per Alejandro Berenguer entrato dalla panchina.

Il match tra Napoli-Genoa si è concluso 0-0 tra i fischi del San Paolo a fine partita, per una prestazione (come le ultime) sotto il livello dei giocatori. Evidente la spaccatura nello spogliatoio e con la società.

Le partite della Domenica

La Domenica di Serie A è stata spettacolare, con una gara in particolare che ha regalato emozioni e divertimento. Si tratta del lunch match delle ore 12:30 tra Cagliari-Fiorentina, terminato 5-2. Il Cagliari, sempre più conferma di questo campionato, ha travolto i toscani che hanno trovato le due reti solo nei minuti conclusivi. I padroni di casa hanno dato lezione di calcio. A segno Marko Rog, Fabio Pisacane, Giovanni Simeone (gol dell’ex che ha pianto commosso e dedicando la rete a Davide Astori), poi Joao Pedro e Radja Nainggolan. Doppietta infine di Dusan Vlahovic. I sardi si piazzano così in quarta posizione insieme alla Lazio.

Alle ore 15:00 tre partite, due di queste terminate senza reti. Si tratta di Sampdoria-Atalanta, finita a reti inviolate. Per i padroni di casa punto importantissimo contro la squadra con il miglior attacco in campionato (anche se è a secco da 2 match). L’altra è Udinese-Spal, con i padroni di casa che hanno premuto per la vittoria senza trovarla. All’ultimo secondo un fallo di mano porta sul dischetto Andrea Petagna che si lascia incantare da Musso che gli para il rigore (primo in Serie A per lui) ed evita una beffa.

Il match tra Lazio-Lecce termina 4-2, non sono di certo mancate le emozioni. Ad aprire le marcature Joaquin Correa, a pareggiare Gianluca Lapadula, poi Milinkovic-Savic, Ciro Immobile su rigore e ancora Correa a chiudere i conti. Inutile il gol di Andre La Mantia (rigore parato da Strakosha su Babacar sul 2-1).

Alle ore 18:00 Parma-Roma con i padroni di casa a ritmi altissimi. Nonostante l’arbitraggio (davvero pessimo su certi aspetti), gli emiliani hanno portato a casa la vittoria per 2-0 giocando molto bene. A segno prima Mattia Sprocati (secondo gol in carriera in Serie A per lui) e nei minuti finali Andreas Cornelius. Grande prestazione, un’altra di Kulusevski, sempre più pilastro di questa squadra.

A terminare la dodicesima giornata, come visto in precedenza, Juventus-Milan finita 1-0 (con rete di Dybala).