Sestri levante: un borgo tra cielo e mare…

20150810_112631

Una penisoletta sospesa nell’azzurro, tra cielo e mare: è Sestri Levante, antico borgo marinaro del Tigullio, affacciato sulla Riviera Ligure di Levante, poco dopo Lavagna e Chiavari. I suoi nomi parlano di fiabe,“la Baia delle Favole”, e di mistero, “la Baia del Silenzio”. Basta affacciarsi allo specchio d’acqua trasparente in cui si riflette il color salmone delle sue vecchie case e le barche variopinte, per essere catturati subito da questo incantesimo…

20150810_104948

Loading...

Così tornano alla mente storie di corsari e marinai, ma anche memorie e pensieri, ascoltando nel silenzio il dolce sciabordio delle onde, come una musica…Proprio per questa sua particolare posizione, Sestri viene definita anche “la città dei due mari”. Addentrandosi nella via principale, il “carugio”, si riconoscono le vecchie case prevalentemente seicentesche, ristrutturate e ridipinte. Da queste  differisce competamente il Palazzo dei Fasci Fossi, una antica casa-torre in mattoni a vista, dalle bianche finestre a loggia, con torre campanaria: è il primo di una serie, attualmente  adibito a sede della biblioteca Civica e a Museo Archeologico.

20150810_114500

Storia e arte, dunque, parlano da sole nelle sue antiche residenze signorili: più avanti si incontra il palazzo Durazzo-Pallavicini, sede del Municipio, nella piazza che fu il centro della cittadina medioevale. Sorto anch’esso nella seconda metà del Seicento, conserva nella Sala del Consiglio, un'”Adorazione dei Magi” di Francesco Bassano. Non lontano è Palazzo Durazzo-Cattaneo Della Volta, residenza dei Doria nel 1400, ma ricostruito nel 1700, annettendovi una cappelletta, su commissione di Giuseppe Maria Durazzo. Nei pilastri della cupola si distinguono diverse nicchie e delle statue in stucco, che raffigurano i santi Gioacchino e Anna, S.Elisabetta e S.Giuseppe con Gesù Bambino.

Affacciata sul lungomare e immersa in un verdissimo parco con giardino all’italiana, è la villa Brignole-Balbi, nobile residenza seicentesca, oggi divenuta un albergo. Vicino si distingue la monumentale Basilica di S.Maria di Nazareth, la Cattedrale di Sestri, sempre del Seicento, di cui si nota il pronao neoclassico. Al suo interno, tra diverse opere barocche, c’è una “Pietà” in legno di Maragliano. La Basilica, avendo ospitato nel 1700 il vescovo di Brugnato, divenne “Concattedrale”, in modo da poter accogliere gli oli santi durante i riti pasquali.

20150810_115956

Dopo essersi affacciati alle azzurre baie che emanano riflessi di luce tra gli stretti vicoli e le case,  si può risalire lungo la stradina che si arrampica sulla collina, da dove si gode per intero il panorama della conca coronata di verde, prima di incontrare la chiesina di S. Nicolò, dal bel portale sormontato da una finestra a trifore, antica parrocchiale risalente al 1100. Proseguendo oltre, in posizione panoramica nel verde, si trova il castello Villa Gualino, oggi Hotel Castelli: sorpende la sua architettura con mattoni di gusto medioevale, il torrione verde di edera e la bella bianca finestra decorata, nonostante sia stato costruito negli anni’20. Un tempo, al suo posto sorgeva il Castello della Repubblica di Genova risalente al 1145, antica fortezza genovese trasformata in cimitero, e poi demolita .

20150810_120530

Un’altra interessante caratteristica di Sestri sono i magnifici portali di ardesia quattrocenteschi, che si incontrano numerosi soprattutto in via XXV Aprile, il “carugio”…,un altro aspetto da notare per ricordare questo borgo, dove  bellezza naturale e artistica si sono fusi con grande armonia, creando una piccola perla affacciata sul mar Ligure.

Grazia Paganuzzi

Sono una giornalista pubblicista dal 1991 laureata in Pedagogia, specializzata in turismo culturale: antichi centri storici e borghi d'arte, residenze d'epoca, castelli, mostre d'arte, storia e musica... Ho viaggiato in Italia, Area Mediterranea, Europa e Centr'America. Ho un mio sito: "voyagedart.com".
Potrebbero interessarti anche