Ungheria: viaggi, vacanze e luoghi da visistare

Storia, tradizioni e simboli

ungheria cosa visitare

Sognando le prossime vacanze, non si può non pensare all’Ungheria. La Nazione dell’Europa centrale, senza sbocco sul mare, ma che dà l’opportunità di divertimento per tutti i gusti. Partendo dalla sua capitale, l’incantevole Budapest.

La capitale e il Danubio un incontro magico

Budapest è una delle città europee dall’aspetto incantato. La sua particolarità è quella di essere attraversata e divisa dal fiume Danubio. Lungo il letto del fiume è possibile vedere edifici storici di un’unica bellezza. Ecco alcuni luoghi da visitare:

  • il Castello medievale di Buda, detto anche “il castello reale”, proprio perchè era la residenza reale. Affacciandosi dall’edificio è possibile godere di una delle viste più mozzafiato dell’intera regione. E’ raggiungibile sia a piedi che attraverso la funicolare. Al suo interno vi è il museo storico della città e la galleria nazionale.
  • il  Castello di Eger è situato a nord di Budapest, nel cuore dell’Ungheria Settentrionale ed è la più estesa fortificazione d’Ungheria. Il popolare romanzo Le stelle di Eger di Géza Gárdonyi è ambientato proprio tra le mura di questo edificio.
  • il palazzo del Parlamento, si trova nella parte est della città ed ovviamente rappresenta una delle mete turistiche più in voga.
  • il bastione dei pescatori con il suo panorama superbo. Si tratta di una fortezza che rappresenta un vero gioiello architettonico. Un insieme di ben sette torri, scalinate, chiostri che rappresenta un vero e proprio castello delle fiabe.
  • la piazza degli eroi, con le sue statue effige delle sette famiglie che hanno fondato l’Ungheria. Fa parte del patrimonio dell’Unesco.
  • Il Palazzo o Castello Reale di Gödöllő, conosciuto anche come Palazzo o Castello Grassalkovich è un palazzo in stile barocco della cittadina ungherese di Gödöllő.
  •  il teatro dell’opera, museo/casa del terrore, la via più turistica Vaci Utca.

I viaggi e vacanze in relax in Ungheria

Lasciando la parte storica della regione, è possibile fare delle vacanze in totale relax

  • il lago Balaton, invece è destinato ad essere un posto molto sfruttato per chi ama il relax. E’ fornito di spiagge, località di villeggiatura e locali dedicati ai turisti. Chiudono la cornice hotel, pubs ed eventi dedicati alla movida ungherese. E chi è un pò più temerario l’escursionismo è uno degli sport più praticati.
  • il lago di Heviz, è il più grande lago termale nel mondo. Famoso per le terme e per la proprietà salutari delle sue acque.
  • monti Bukk, definiti inimitabili da molti turisti ed escursionisti.
  • il ponte delle catene, è uno dei luoghi più romantici e rilassanti. Soprattutto, la sera, quando il chiarore delle luci riflettono sull’acqua. E’ il più antico della città ed unisce le due parti della città Buda e Pest.
  • l’isola Margherita, un oasi di pace nel cuore del Danubio. Un parco verde che permette di respirare aria pulita e restituisce una sensazione di pace interiore.
  • ed ancora il parco pubblico Varoslit nella capitale.

ungheria e il lago hevizUn pizzico di religiosità

Per gli amanti della religiosità la regione ungherese offre una molteplicità di punti d’interesse.

  • la Chiesa di Mattia, dedicata al re che lì si sposò. In realtà è una chiesa mariana, dal nome Nostra Signora Assunta della Collina del castello. All’interno della chiesa vengono ospitati concerti d’orchestra durante l’anno. All’interno è presente anche una riproduzione della Madonna di Loreto.
  • l’Arciabbazia di Pannonhalma è il simbolo della cittadina di Pannonhalma, sede della Congregazione d’Ungheria dell’Ordine di San Benedetto.
  • la Basilica di Santo Stefano, con le sue cupole e torri ridisegna lo skyline della città. Si dice che possa contenere fino a 8000 fedeli. L’arco di ingresso permette di mettere a naso in su chiunque vi entri.
  • La cattedrale di Nostra Signora e di Sant’Adalberto è la cattedrale dell’arcidiocesi di Esztergom-Budapest e si trova a Esztergom.
  • la Sinagoga.

Il cibo tipico della Nazione

Come ogni viaggi che si rispetti, dopo aver visto le bellezze delle città ungheresi, non si può non fare una piccolo accenno al cibo. Il piatto forte della tradizione è naturalmente il goulasch, tradotto “mandria di Bovini”. Un piatto tra la zuppa e lo spezzatino di manzo. E’ possibile mangiarlo nei numerosi ristoranti, soprattutto a Budapest. Un sapore molto particolare è il fegato d’oca in gelatina di Tokaj, il vino più famoso dell’Ungheria. Per i meno esigenti invece, è possibile trovare nei vari mercati, soprattutto in quello al coperto, gli spiedoni di salsiccia e formaggio o il langos. Tra i dolci non possono essere tralasciati la Dobos Torte, il dolce più tipico di Budapest, composta da cinque strati di pan di spagna e cioccolato con una copertura di caramello e la Esterhàzy torte preparata con una pasta speciale di noci e una crema cotta alla vaniglia.

Alcune particolarità….

Passeggiando lungo il fiume Danubio, salta all’occhio una fila di scarpe messe in linea.scarpe riva budapest olocausto

Si tratta della famosa opera Scarpe sulla riva, in ricordo delle vittime dell’olocausto. Nel Parco nazionale di Hortobagy, è possibile invece vedere animali tipici allo stato brado tra cui: cavalli, bovini, ovini “racka” dalle corna a torciglione. L’Ungheria è un vero e proprio polmone verde che merita di essere vista, dal sapore Medievale, ma a passo con i tempi e di notevole attrazione turistica.

 

Potrebbero interessarti anche