Vittoria del Front National in Francia

Le Pen Infophoto (9)

Il Front National di Marine e Marion Le Pen è uscito vittorioso dalle elezioni amministrative che si sono tenute ieri in Francia; in attesa del secondo turno di domenica prossima è in vantaggio in 6 regioni su 13 in cui si è votato. I risultati migliori il Front National li ha ottenuti nella regione che comprende Provenza, Alpi e Costa Azzurra in cui il capo lista era Marion e nella regione Nord Passo di Calais in cui invece la capolista era Marine; in queste regioni il partito di estrema destra ha raccolto ben il 41% dei consensi.  Al secondo posto con una media del 27% dei suffragi si è piazzato il partito repubblicano dell’ex Presidente Sarkozy, mentre il partito socialista dell’attuale Presidente Hollande è arrivato solo terzo con una media del 23% dei consensi.

Per alcuni commentatori e analisti politici la vittoria del Front National era annunciata; dopo gli attentati che hanno colpito Parigi a gennaio con la strage nella redazione del giornale satirico Charlie Hebdo e il 13 novembre con la carneficina al Bataclan e in alcuni ristoranti, i francesi avevano espresso un forte desiderio di maggior sicurezza e maggior controllo delle frontiere. A Calais da mesi si assiste ad un continuo flusso di migranti che cercano di entrare illegalmente nel Regno Unito nascondendosi nei camion e nelle stive dei traghetti che fanno la spola tra le coste francesi e quelle britanniche; la tendopoli che si è creata vicino al porto, priva di regole, ha da subito esasperato gli abitanti del posto che hanno risposto votando in massa per la destra estrema.

Loading...

La Francia non è l’unico Paese in cui si stanno affermando partiti appartenenti all’area di estrema destra xenofoba ed anti europeista; in Italia la Lega Nord di Matteo Salvini sta aumentando pian piano il numero di consensi, ed anche in Austria, Germania e Repubblica Ceca i pariti di estrema si stanno affermando sempre di più.

Questo radicamento della destra estrema è un chiaro sintomo che le politiche sui temi della sicurezza e dell’ immigrazione dell’Unione Europea non stanno funzionando; i cittadini europei vogliono fare capire che sono disposti ad accogliere solo chi ne ha veramente diritto perché scappa da situazioni di guerra e carestia grave e non anche i migranti economici che non fuggono da pericoli imminenti per la loro vita ma solo per tentare di fare fortuna all’estero.

Sono una ragazza di trenta anni con Laurea triennale in Studi Internazionali e Laurea magistrale in Scienze del governo e dell'amministrazione; ho anche frequentato un Master e vari corsi post laurea. Conosco oltre all'italiano, inglese e francese e il tedesco a livello base. Le mie passioni sono leggere, scrivere di attualità, ambiente e animali e viaggiare per scoprire sempre posti nuovi. Oltre che per Quotidian Post scrivo anche per Prima Pagina on line, Notiziario Estero e Report Difesa. Ho anche un blog personale http://valeryworldblog.com
Potrebbero interessarti anche