Massiccia tempesta solare colpirà la Terra: Ecco di cosa si tratta

mercoledì 14 marzo 2018 una tempersta solare colpirà la Terra con tutta una serie di conseguenze piacevoli e meno

E’ Prevista per  oggi mercoledì 14 marzo una tempesta solare che farà tremare la terra, potrebbe mettere fuori uso gli alimentatori, danneggiare i satelliti, o  innescare splendide aurore boreali.

E’ stata creata la settimana scorsa da un’enorme esplosione nell’atmosfera solare e le particelle  formatesi il 6 marzo sono ora in viaggio verso la Terra.

Parallelamente siamo prossimi alla formazione di “crepe nell’equinozio” nel campo magnetico terrestre, che secondo gli scienziati si formeranno attorno agli equinozi del 20 marzo e del 23 settembre di ogni anno. Tali crepe indeboliranno la protezione naturale del nostro pianeta e potrebbero lasciare  i voli commerciali ed i sistemi GPS esposti alla tempesta in arrivo.

Loading...

Ciò potrebbe avvenire in Scozia, nell’Inghilterra Settentrionale, nel Nord degli Stati Uniti, incluse parti del Michigan e del Maine. La fonte delle informazioni ci arriva dalla NASA, che con la NOAA si occupa di meteorologia e  ha studiato il fenomeno delle tempeste solari  tenendo sotto controllo ciò che dovrebbe avvenire attraverso telescopi e sonde.

Cosa sono le tempeste solari e i loro pericoli

 Particolarmente pericolosi sono i brillamenti solari ovvero una grande esplosione nell’atmosfera solare, capace di danneggiare i satelliti comportando un costo enorme in termini economici. Le particelle cariche possono anche minacciare le compagnie aree, disturbando il campo magnetico terreste. Brillamenti molto grandi possono possono persino creare correnti all’interno delle reti elettriche ed emettere energia.

Altre componenti sono le espulsioni di massa coronali, ovvero grandi nuvole di plasma e con proprietà magnetiche che causano tempeste geomagnetiche ed aurore particolarmente grandiose. Esse possono disturbare le onde radio, le coordinate GPS e sovraccaricare i sistemi elettrici.

Un grande flusso di energia potrebbe fluire in reti elettriche ad alta tensione e danneggiare i trasformatori, bloccando case ed aziende in tutto il mondo.