Affittopoli a Caserta

Campania_Caserta2_tango7174

La Guardia di finanza, dopo varie indagini, ha scoperto che Demanio e Sovraintendenza affittavano appartamenti dai 75 m^2 ai 220 m^2 ubicati all’interno della Reggia di Caserta a parenti ed a ex dipendenti a prezzi irrisori. Gli affitti partivano dai 3 € ad un massimo di 140 € incluso parcheggio e servizi idrici. La Procura Contabile ha stimato un danno per lo Stato di circa 1,2 milioni di euro. L’ex Sovrintende Paola Raffaella David e i tre dirigenti dell’agenzia del Demanio dovranno rispondere davanti la Corte dei Conti Campana di abuso della gestione della Reggia in particolar modo per aver permesso a parenti e ad amici di occuparla nonostante il suo valore storico e sia per il canone d’affitto bassissimo rispetto ai valori di mercato. Ricordiamo che la Reggia di Caserta, inserita nella World Heritage List dell’UNESCO nel 1997, rappresenta il trionfo del barocco italiano. Curatissima nei dettagli ed articolata su quattro monumentali cortili, occupa 45000 m^2 di superficie. Le indagini, affidate alla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere sono ancora in corso.

Loading...
Potrebbero interessarti anche