Alfa Romeo Giulia vince il prestigioso premio Compasso d’Oro

conferitole dall'ADI l'associazione per il Disegno Industriale.

Alfa Romeo Giulia vince il prestigioso premio Compasso d’Oro, conferitole dall’ADI,modello premiato per storia, velocità e bellezza.

Il Compasso d’oro è un riconoscimento d’importanza mondiale, creato nel 1954 e giunto alla sua 25esima edizione. Durante questi anni, nelle varie edizioni, sono state premiate seggiole, macchine da scrivere, bicchieri e ovviamente le automobili.

Il premio per l’Alfa Romeo significa molto, sopratutto per i progettisti, i quali hanno saputo realizzare un autovettura che è la pura espressione della tradizione italiana. La Giulia è una berlina importante dal profilo compatto, grintosa e allo stesso tempo molto elegante. Tutto questo grazie alla semplicità della linea che tutt’ora la contraddistingue dalle altre autovetture.

Due automobili d’eccezione erano presenti alla premiazione

La premiazione si è svolta al Castello Sforzesco di Milano, alla quale erano presenti due modelli d’eccezione Alfa. L’Alfa Romeo Giulia Quadrifoglio, la berlina più potente ad uso stradale, e un modello della serie speciale Alfa 4C Spider “Italia”. La prima è molto grintosa sia nell’aspetto che nella meccanica. E’ dotata di un potente motore V6 Turbo a benzina da 510 Cv e 600 Nm di coppia.

Loading...

La seconda è un vero gioiello d’estetica, con la sua carrozzeria Blu Misano, ed inserti nero lucido sui paraurti. La particolarità di questa spider sono i cerchi: da 18” davanti e 19” dietro. In essi si intravedono le pinze dei freni color giallo come gli inserti delle cuciture dei sedili.

Ambasciatrice del made in Italy la Giulia è grintosa ed elegante allo stesso tempo

La nuova Giulia si distingue per lo sbalzo anteriore ridotto, il cofano allungato e i lunghi parafanghi anteriori. L’abitacolo è arretrato e poggia sull’asse di trazione, i parafanghi posteriori sono muscolosi e sottolineano il punto in cui la forza viene scaricata a terra.

Tipica delle vetture a trazione posteriore è la coda allungata, che bilancia le proporzioni dell’auto garantendo un’adeguata capacità di carico. Il profilo “a goccia” creato dagli angoli arrotondati e dai montanti avvolgenti, ricorderà ai più nostalgici la Giulietta Sprint.

La nuova Giulia vanta una forte identità, composta da pochi tratti: un design lineare dai tratti puliti, superfici pure e scultoree. E’ un’auto scattante che dona un piacere di guida essenziale e pulito. In tutto questo la tecnologia non è per nulla invasiva, ad incorniciare il tutto sono i metalli preziosi scelti dall’azienda per il loro impatto tattile e visivo, collocati artigianalmente.