Ancora terrore a Sydney: accoltellamento durante la messa

Dopo il recentissimo fatto di sangue dello scorso sabato all'interno di un centro commerciale, oggi Sydeny conosce di nuovo il terrore. Un uomo accoltella più volte il vescovo mentre celebrava la funzione religiosa

Australia, Wakeley nei pressi di Sydney. In una chiesa cristiana si sta celebrando la messa. All’improvviso un uomo armato di coltello si scaglia contro il vescovo Mar Mari Emmanuel. Vengono ferite anche altre persone ma non in forma grave.

Qualcuno tra i fedeli in chiesa, chiama i soccorsi. Gli operatori sanitari e i poliziotti raggiungono le chiesa e possono constatare che nessuno dei feriti appare grave. Le persone vengono trasferite all’ospedale Nuovo Galles del Sud per gli accertamenti del caso, ma la polizia ha rassicurato i mass media che nessuno è in pericolo di vita.

- Advertisement -

Lo spavento è stato enorme, anche perché Sydney è reduce da un episodio analogo avvenuto sabato pomeriggio all’interno di un rinomato centro commerciale. In questa occasione però ci sono stati ben sei morti e molti più feriti, qualcuno anche grave.

Le forze dell’ordine locali hanno già annunciato di avere arrestato un uomo ritenuto di essere il responsabile di questo folle gesto. Per ora si esclude l’atto terroristico.

- Advertisement -

La polizia ha anche invitato la cittadinanza ad evitare di uscire di casa nel quartier in cui si trova la chiesa, se non strettamente necessario, finché non avranno appurato che l’arrestato è l’effettivo responsabile e che si possa archiviare definitivamente la possibilità della matrice terrorista.

Il vescovo Mar Mari Emmanuel è a capo di un gruppo religioso ultraconservatore di fede assiro-ortodossa. E’ celebre per essere il leader del movimento Christian Lives Matter, per i suoi severi sermoni anti-LGBTQ e per il palesato scettiscismo nei confronti della pandemia Covid-19.

Elisabetta Beretta
Elisabetta Beretta
Ho un diploma di Perito Aziendale e Corrispondente in lingue estere e un background da studio commercialista, dove ho lavorato per 27 anni in Italia occupandomi di dichiarazioni dei redditi, bilanci ed ero la responsabile finanziaria dello studio. Ma ho sempre amato scrivere. Nel 2021 ho cominciato a predisporre contenuti di vario genere come ghostwriter. Nel 2022 ho deciso di avere bisogno di un cambiamento radicale: mi sono licenziata e sono partita per l’Andalusia dove sono attualmente residente.