Armenia-Azerbaijan, Pashinyan: “Morte almeno 135 persone”

Secondo Yerevan non sono stati rispettati i termini del cessate il fuoco

Il numero dei militari armeni uccisi in un’escalation delle tensioni con l’Azerbaijan è pari a 135 persone, molte sono rimaste ferite, ha affermato venerdì il primo ministro armeno Nikol Pashinyan in una riunione del governo.

Ad oggi, il numero dei morti accertati è di 135 persone. Questo numero non è ancora definitivo, ci sono molti feriti”, ha detto.

- Advertisement -

Il ministro della difesa Suren Papikyan ha riferito a Pashinyan che la situazione operativa al confine con l’Azerbaijan era relativamente calma. “Durante la notte, il regime del cessate il fuoco è stato sostanzialmente rispettato. Posso notare che le forze armate armene continuano a svolgere i compiti assegnati”, ha aggiunto.

Martedì notte il ministero della difesa armeno ha dichiarato che le forze armate dell’Azerbaijan stavano bombardando gli insediamenti armeni. Baku ha detto che ha reagito alle provocazioni di Yerevan.

- Advertisement -

Successivamente l’Azerbaigian ha annunciato che le parti avevano concordato un cessate il fuoco, ma l’Armenia ha affermato che i bombardamenti sono continuati. Il Consiglio di sicurezza armeno ha tenuto una riunione di emergenza e ha deciso di chiedere aiuto alla Russia per invocare le disposizioni del Trattato di amicizia, cooperazione e mutua assistenza, nonché della CSTO e del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.