Attentato a Bangkok, almeno 22 morti. Un video mostra il sospetto terrorista

attentatore bangkok

Si ridimensiona di poco il numero delle vittime dell’attentato a Bangkok avvenuto ieri (“il peggiore di sempre” nel Paese, ha sottolineato il capo della giunta militare al potere, il generale Prayuth Chan-ocha). I morti accertati sono almeno 22 finora e i feriti 123. Tra coloro che hanno perso la vita, ci sono anche 8 stranieri: 5 cinesi, 2 malesi e un filippino.

E’ stato reso noto dalle autorità locali che le telecamere di sorveglianza hanno mostrato il sospetto autore della strage: un giovane, straniero a giudicare dal suo aspetto, che portava sulle spalle uno zainetto mentre si avvicinava al tempio indù Erawan tre minuti prima dell’esplosione. Anzi, il portavoce della polizia l’ha indicato certamente come “l’attentatore”. Sono state diffuse un paio di sue foto: nella seconda lo si vede allontanarsi dal luogo del attacco senza più lo zaino.

Loading...

Il governo ritiene che possa trattarsi di un membro di un gruppo antigovernativo con sede nel nord est del Paese: forse le “camicie rosse” (Fronte Unito per la Democrazia contro la Dittatura) che sarebbero legate agli ex primi ministri Thaksin e Yingluck Shinawatra, la seconda (sorella del primo) deposta il 7 maggio 2014 da una decisione della Corte Costituzionale. Finora non c’è stata alcuna rivendicazione dell’attacco.

Intanto c’è ancora tensione a Bangkok: un uomo ha lanciato da un ponte una bomba a mano che è caduta in un fiume e non ha provocato vittime.

 

Dopo la maturità classica, mi sono laureata all'Università Cattolica del Sacro Cuore a Milano in Scienze dell'Educazione, con una tesi in Pedagogia Interculturale dal titolo "Donna e Islam: la questione del velo". Scrivo per diverse testate on-line come "Al-Maghrebiya", "Ebraismo e dintorni", il blog del "Legno Storto" su argomenti riguardanti il mondo arabo e islamico, soprattutto per quanto riguarda la condizione della donna, il Medio Oriente, Esteri, immigrazione e integrazione. Ho scritto due racconti: "Dopo la notte" (Il Filo, 2009) e "Soltanto una donna" (Albatros - Il Filo, 2011).
Potrebbero interessarti anche