Bus elettrici anti-smog per ridurre l’inquinamento da polveri sottili

una proposta di finanziamento arriva dal Ministero dell'Ambiente.

Bus elettrici anti-smog per ridurre l’inquinamento da polveri sottili, è la proposta che arriva dal Ministero dell’Ambiente.

L’inquinamento da polveri sottili, soprattutto in Pianura Padana, è costato all’Italia un deferimento alla Corte di Giustizia Europea. Lo scorso 16 maggio L’Italia fu deferita per aver violato le norme europee antismog sul particolato Pm10. Una procedura di infrazione iniziata nel 2014, abbiamo il parco auto più vecchio d’Europa. Questa non è l’unica infrazione delle norme europee sotto indagine per l’italia.

Una seconda procedura per infrazione in corso sulla qualità dell’aria è stata avviata nel 2015. Questa per il superamento dei valori limite di biossido di azoto (NO2).In questo caso però le misure prese dal governo erano state ritenute sufficienti per evitare un secondo deferimento.

Il Ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha proposto di destinare un “tesoretto” per finanziare l’acquisto di bus elettrici a zero emissioni.

Infatti lo stesso Costa aveva dichiarato di aver recuperato fondi consistenti dal bilancio ministeriale. Da qui la sua decisione di destinare tali fondi alle zone più colpite dallo smog per l’acquisto di bus elettrici. Non è stato reso noto l’ammontare di questi fondi ma è sicuro che la maggior parte andrà alla Pianura Padana dove lo smog è più elevato.

I bus elettrici stanno trovando sempre più posto in Europa, in Italia Atm e Atb, a Milano e Bergamo, sono i primi ad aver messo a punto dei piani concreti per la transizione. La nuova linea C completamente elettrica è stata presentata ufficialmente a Bergamo nel febbraio 2018.

Atm Milano ha comunicato che entro il 2030 tutta la flotta sarà composta da autobus elettrici. Quindi presto gli autobus a gasolio verranno sostituiti da bus di 12 e 18 metri, i cui motori elettrici sono alimentati da batterie al litio di nuova generazione. Queste batterie sono leggere, durevoli e capaci di garantire fino a 300 km con una sola ricarica.

Bus elettrici per migliorare la qualità della vita

Oltre che migliorare la qualità dell’aria con relativa miglioria della vita, ci sarà un notevole risparmio economico. Infatti la manutenzione del mezzo sarà annuale e si limiterà al solo motore elettrico. La progressione in accelerazione del motore elettrico, a differenza del motore a gasolio, è continua e non richiede cambi di marcia.

Il buon funzionamento delle batterie è garantito per ben 10 anni. Il costo di uno di questi autobus oscilla intorno ai 300-500 mila euro a seconda della dimensione. L’aumento di spesa di acquisto rispetto ai vecchi autobus a gasolio verrà recuperato attraverso il risparmio sul costo del carburante e sulle spese di manutenzione del motore a combustione interna.

 

Ramona Allegri
Articolista, scrittrice e blogger lifestyle e food, possiedo un blog di cucina Il Mondo di Ramy Food con le ricette da me ideate basate sulla cucina mediterranea, adoro l'arte in ogni sua forma. Ho pubblicato un libro di ricette "ricette low-cost per famiglie in crisi" e sto lavorando ad un romanzo attualmente.
Potrebbero interessarti anche