Coronavirus: come fare domanda per i rimborsi viaggi, biglietti aerei e ferroviari

Ecco come richiedere un rimborso del titolo di viaggio in caso di emergenza Coronavirus

Mentre l’emergenza Coronavirus impatta su tutto il mondo, gli aerei ed altri mezzi di trasporto vengono cancellati o subiscono restrizioni. Infatti, molti Paesi, per prevenire l’epidemia del Coronavirus, hanno imposto restrizioni ai passeggeri italiani o che abbiano soggiornato nel nostro Paese negli ultimi 14 giorni.

A chi spetta il rimborso del biglietto aereo?

L’ENAC (Ente Nazionale per l’Aviazione Civile) ha pubblicato delle indicazioni per coloro che hanno diritto a ricevere un rimborso del titolo di viaggio:

- Advertisement -

I passeggeri che sono in possesso di biglietto aereo il cui volo è cancellato, i passeggeri che, pur non avendo subito la cancellazione del volo, sono comunque soggetti alle restrizioni di Paesi terzi imposte nei confronti delle persone che provengono o che abbiano soggiornato in Italia negli ultimi 14 giorni e i passeggeri che per ordine delle Autorità sono soggetti a misure di contenimento dell’epidemia da Covid19, e che quindi non possono usufruire del biglietto aereo, hanno diritto al rimborso del prezzo del biglietto da parte del vettore“.

I passeggeri “non hanno, invece, diritto alla compensazione pecuniaria di cui all’art. 5 del Reg. numero 261 del 2004 che regola i casi di cancellazione, negato imbarco e ritardo prolungato in quanto la cancellazione del volo non è dipendente da causa imputabile al vettore”.

- Advertisement -

Il rimborso degli altri titoli di viaggio

Venerdì, inoltre, è stata approvata la bozza del decreto, in attesa di pubblicazione sulla gazzetta ufficiale, che prevede anche il diritto al rimborso che per chi ha acquistato biglietti per altri mezzi di trasporto, per eventi o pacchetti turistici ma è impossibilitato ad usufruire della prestazione a causa dell’emergenza coronavirus.

Potrà chiedere un rimborso qualsiasi soggetto destinatario di provvedimenti limitativi della libera circolazione, come la quarantena causa coronavirus; chi ha programmato un soggiorno in aree contagiate; chi ha prenotato un viaggio in seguito annullato a causa dell’emergenza. 

- Advertisement -

Tali regole valgono anche per chi ha acquistato in Italia biglietti per l’estero, quando in ragione dell’emergenza viene impedito o vietato l’arrivo nel luogo di destinazione. Per quanto concerne i pacchetti turistici, l’organizzatore può emettere il rimborso, oppure emettere un voucher da utilizzare entro l’anno, o ancora proporre un pacchetto sostitutivo dal valore equivalente o superiore di quello che non si è potuto utilizzare.

Come presentare la domanda e termini

Per presentare la domanda, non bisogna far scadere il termine dei 30 giorni che inizia a decorrere dal momento di cessazione delle misure limitative della libertà di circolazione o dal momento in cui viene emanato un provvedimento di annullamento del viaggio. Alla richiesta va allegato il titolo di viaggio o la prova di iscrizione a manifestazioni, corsi o concorsi.

Per annullare un viaggio prenotato in agenzia di viaggio, bisogna rivolgersi presso l’agenzia, mentre per i viaggi prenotati online bisogna controllare le pagine di avviso che illustrano la procedura. Ad esempio, sul noto sito Booking è stata creata una pagina dove reperire tutte le informazioni necessarie per annullare una prenotazione effettuata. All’interno della pagina si possono leggere anche alcune regole di comportamento indirizzate alle strutture partner.

Star Wars: Young Jedi Adventures seconda stagione

Disney+ ha rilasciato il trailer della seconda stagione di Star Wars: Young Jedi Adventures, la serie originale animata di Lucasfilm che debutterà mercoledì 14 agosto...