Ebola, caso sospetto a Palermo

ebola virus

Ebola a Palermo, potrebbe esserci un caso sospetto, un uomo francese è stato ricoverato all’ospedale Buccheri La Ferla. L’uomo sarebbe arrivato a Palermo da Genova, mentre si è accertato che nel periodo di settembre ha soggiornato in Togo. Preoccupato per la sua permanenza in Togo, il turista è andato all’ospedale dopo aver riscontrato una febbre alta, forte sudorazione e mal di gola. E’ immediatamente scattato il protocollo da parte dei sanitari. L’uomo è stato ricoverato in isolamento in una stanza del reparto di medicina.

Il direttore sanitario Gianpiero Seroni “Si tratta di una iper-precauzione, aspettiamo le prossime 24 ore per pronunciarci. Abbiamo eseguito gli esami di routine e i raggi x al torace e siamo in attesa del responso sui prelievi”.

Loading...

Nel frattempo, sono stati inviati all’ospedale Lazzaro-Spallanzani’ di Roma i prelievi di sangue del turista francese. Se i risultati degli esami saranno positivi l’uomo dovrà essere trasferito immediatamente a Roma, per le cure del virus Ebola.

Nel frattempo un altro caso sarebbe giunto all’ospedale Buccheri La Ferla, un giovane paziente extracomunitario, con sintomi simili a quelli del virus dell’Ebola, febbre e forti dolori addominali. Dalle prime analisi effettuate sul paziente, sembrerebbe che il ragazzo africano sia stato colpito da tubercolosi, non dalla febbre emorragica. L’uomo resterà in osservazione, finchè non sarà accertata l’origine dei sintomi.

Aggiornamento sul turista francese: dopo le analisi effettuate, il paziente riscontra una faringite escludendo il virus ebola.

Ammonta a 9.000 il numero delle persone colpite di Ebola nei sette Paesi colpiti. Sono i numeri diffusi dal bollettino dell’Organizzazione mondiale della sanità, che registra esattamente 8.997 contagi e 4.493 morti.

Matteo Renzi ”abbiamo convenuto un impegno addizionale dell’Italia per lepidemia dell’Ebola, in partnership con il Regno Unito, in Guinea e Liberia. Abbiamo stanziato un contributo di 50 milioni, accogliendo l’appello delle Nazioni Unite”.

 

Potrebbero interessarti anche