Esame del sangue riconosce cinque tipi di tumore in anticipo di 4 anni

La tecnica chiamata Panseer riconosce precocemente cinque diversi tipi di tumore nel 91% dei casi

PhotoCredit: Pixabay

Un’ultima ricerca internazionale pubblicata su Nature Communications e coordinata dall’Università della California a San Diego, ha scoperto come un’analisi del sangue possa riconoscere cinque forme di tumore in anticipo di quattro anni rispetto alle cure tradizionali.

Studio Panseer riconosce i tumori in anticipo

La tecnica chiamata Panseer riconosce precocemente nel 91% dei casi i tumori di stomaco, colon, esofago, polmoni e fegato in soggetti che non hanno sintomi. In futuro potrebbe diventare una normale routine nelle analisi di controllo.

Nello studio chiamato Taizhou longitudinal study (Tzl) sono stati conservati campioni di plasma dal 2007 al 2014 di 123.115 persone sane di età compresa tra i 25 e i 90 e poi monitorati per l’insorgenza del cancro. E’ stato utilizzato il test Panseer un’esame del sangue non invasivo basato sulla metilazione del Dna tumorale su campioni di plasma di 605 soggetti asintomatici, è emerso che 191 persone di questi hanno avuto dopo quattro anni dal prelievo di sangue una diagnosi di cancro allo stomaco, all’esofago, al colon-retto, al polmone o al fegato. 

I ricercatori inoltre hanno analizzato campioni di plasma di altri 223 pazienti affetti da cancro, tumori primari e tessuti normali. I risultati dello studio Panseer hanno quindi rilevato cinque tipi di tumori nell’88% dei casi nei pazienti post-diagnosi e nel caso dei soggetti asintomatici da cui poi è stata fatta la diagnosi di cancro la percentuale è del 95%.

La ricerca non si ferma

La notizia dello studio Panseer arriva da una serie di ricerche studiate per individuare il cancro in anticipo, negli ultimi anni i ricercatori hanno studiato la biopsia liquida ovvero un metodo sensibile basato su un prelievo di sangue per l’isolamento è l’analisi del Dna che può contenere al suo interno tracce di Dna tumorale. I tumori solidi sono asintomatici e quindi non rilevabili fino a quando non raggiungono una dimensione di 1-2 cm di massa tumorale, quindi la ricerca deve andare avanti e scoprire cosi nuovi metodi diagnostici per il cancro.